bitcoin2x Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Che cos'è Bitcoin2X e cosa cambia nel mondo delle criptovalute

I Bitcoin sono scossi da un nuovo aggiornamento di sistema a livello di blockchain, ecco cosa significa e cosa dobbiamo fare se possediamo delle monete virtuali

7 Novembre 2017 - Di recente i vari aggiornamenti al sistema Bitcoin hanno fatto discutere gli esperti e gli investitori delle cripto-valute. Queste modifiche a livello di Blockchain si sono susseguite con regolarità nel tempo. Prima c’è stata Bitcoin Cash e poi Bitcoin Gold. Ora è il momento di Bitcoin2X, ecco di cosa si tratta.

Le domande che si pongono gli investitori dopo un aggiornamento a livello di Blockchain sono: posso ancora utilizzare le mie monete virtuali? Cosa succede ai miei “vecchi” Bitcoin? E come saranno i “nuovi” Bitcoin? Per rispondere a queste domande dobbiamo fare un passo indietro e specificare che i Bitcoin sono una cripto-valuta basata su una “catena” che definiamo come Blockchain. Ogni transazione viene effettuata aggiungendo dei blocchi a questa catena. Il problema è che ogni blocco aggiunto può essere al massimo di 1MB. Questo limita la quantità di transazioni che possono essere posizionate su ogni singolo blocco. Per risolvere questo problema nel tempo sono state proposte diverse soluzioni.

SegWit e SegWit2X

All’inizio ogni transazione è stata divisa in due parti, in modo da occupare meno spazio all’interno della catena. Con la proposta conosciuta come SegWit all’interno di ogni blocco della catena è stato possibile inserire un maggior numero di transazioni. In seguito, dopo una nuova proposta conosciuta come SegWit2X, ogni blocco per le transizioni di Bitcoin è stato aumentato da 1MB a 2MB. Questa scelta ha però apportato a una modifica della Blockchain, un aggiornamento necessario per supportare blocchi raddoppiati nello spazio.

Bitcoin2X

Uno dei problemi principali della nuova modifica è rappresentato dalla sicurezza informatica di ogni transazione. Può capitare infatti che avvenga il cosiddetto effetto replay, ovvero che una transazione venga “duplicata” sulla catena. Questo fa sì che un Bitcoin venga usato due volte anche se esiste una sola moneta. Il problema principale è che l’aggiornamento Bitcoin2X non ha particolari difese contro l’effetto replay ed è il motivo per cui molti investitori stanno abbandonando questo sistema negli ultimi tempi. Il consiglio degli esperti è quello di continuare ad investire su Bitcoin e se abbiamo un nostro portafogli con delle monete virtuali dovremo pazientare e magari evitare di effettuare pagamenti o scambi il 17 novembre 2017 o nei giorni immediatamente successivi. In questo periodo infatti verranno prese delle scelte in merito al nuovo aggiornamento Bitcoin2X sulla blockchain.

Contenuti sponsorizzati