virus smartphone Fonte foto: Shutterstock
ANDROID

Come scoprire malware Android grazie ai permessi delle app

I malware possono nascondersi nelle applicazioni Android senza che gli utenti possano far nulla. Analizzando i permessi richiesti, però, si ottengono informazioni utili. Ecco cosa bisogna fare

Pochi giorni fa Google ha rimosso dal Play Store ben 101 app pericolose, tutte sviluppate da uno stesso network di sviluppatori nascosti dietro nomi fake e probabilmente con base in Cina. Si tratta dell’ultima rimozione di massa di app pericolose di una lunga serie: periodicamente, ma non senza gravi ritardi, Google fa un po’ di pulizia del Play Store.

A dirla tutta non servirebbe neanche il parere di Google per capire se un’app è poco affidabile. E per poco affidabile non si intende solo che potrebbe veicolare un virus, ma anche che potrebbe rastrellare i nostri dati personali per poi rivenderli a qualcun altro. Per fortuna è possibile farsi un’idea di massima di quanto sia affidabile un’app ancor prima di installarla: il metodo migliore è controllare quali permessi richiede per funzionare e cercarne qualcuno che puzza un po’ troppo. Un approccio scettico è il segreto della sicurezza: se ti stai chiedendo perché un’applicazione ti chiede quel permesso, allora non darglielo. Ecco come fare.

Controllare i permessi delle app prima di installarle

È possibile controllare quali permessi richiede un’app ancor prima di installarla, direttamente dalla relativa pagina del Play Store. Basta andare su “Info App” e poi scendere in fondo e fare tap su “Autorizzazioni app“. A questo punto vedremo tutta la lista delle autorizzazioni richieste dalla app per funzionare e potremo farci le fatidiche domande: perché mi chiede questa autorizzazione? A che le serve?

Come capire se accordare i permessi ad un’applicazione

Partendo dalle domande di cui sopra, è abbastanza facile capire se un’app è stata sviluppata principalmente per sottrarre i nostri dati personali. Un editor di foto che chiede l’autorizzazione per registrare l’audio non ha alcun motivo di farlo, un’app di gestione della memoria che vuole conoscere la nostra posizione esatta accedendo al GPS non ha alcun motivo di farlo, un’altra app per gestire i contatti che vuole accedere alla fotocamera, ancora una volta, non ha ragione di farlo. E noi non abbiamo alcun motivo per concedere tali autorizzazioni sospette.

Come togliere le autorizzazioni alle app

Ma cosa fare se l’app è già stata installata e i permessi già accordati? Se proprio ci serve, e non vogliamo disinstallarla, allora possiamo togliergli le autorizzazioni non strettamente necessarie. Per farlo dobbiamo andare su Impostazioni > App e notifiche > Avanzate > Gestione autorizzazioni. Qui troveremo tutte le autorizzazioni divise per categoria, con le singole app alle quali le abbiamo concesse. Facendo tap su ogni app possiamo rimuovere la singola autorizzazione.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963