Libero
ANDROID

Tutte le caratteristiche di Dual SIM Standby, Full Active e VoLTE

La tecnologia Dual SIM permette di avere due SIM nello stesso smartphone, ma non sempre possono essere attive contemporaneamente. Ne esistono diversi tipi.

Pubblicato: Aggiornato:

Differenze fra Dual SIM Standby, Full Active e VoLTE

Esistono delle differenze tra le tecnologie Dual SIM Standby, Dual SIM Full Active e Dual SIM VoLTE. La seconda di queste soluzioni è la meno diffusa in Italia. I modelli di smartphone più usati sono quelli Dual SIM Standby, in grado di ospitare due schede attive in ogni momento: quando una di queste riceve messaggi o chiamate, manda l’altra in standby.

La tecnologia Dual SIM Full Active permette invece di utilizzare due SIM in contemporanea, quindi se una delle due è impegnata in una chiamata, l’altra è comunque raggiungibile per messaggi o conversazioni. Infine gli smartphone con Dual SIM VoLTE supportano la connettività 4G su entrambe le SIM, ma per questa tecnologia è necessario un discorso a parte che va approfondito.

Cosa sono gli smartphone Dual SIM

Gli smartphone Dual SIM sono i dispositivi che hanno un doppio slot per poter inserire due schede con due numeri diversi nello stesso momento. Sono molto utili ad esempio per tenere in un telefono unico sia il numero di lavoro che quello privato, oppure due SIM che appartengono a Paesi diversi, oppure due SIM che hanno due operatori telefonici differenti e offerte e piani tariffari diversi.

La differenza tra Dual SIM Standby e Full Active

La differenza tra la tecnologia Dual SIM Standby e Full Active, che possiamo chiamare anche Dual Active, si comprende immediatamente dai nomi. La prima infatti fornisce la possibilità di tenere attivi entrambi i numeri delle due schede in ogni momento e quindi si possono ricevere messaggi e chiamate. Quello che succede però quando una delle SIM è attiva è che l’altra nel frattempo va appunto in stanby e non può collegarsi alla rete, ad esempio quando si riceve una telefonata sull’altro numero.

Per quanto riguarda invece la Dual SIM Full Active si tratta invece di una tecnologia che permette l’integrazione di “due cellulari” all’interno di un solo dispositivo. Infatti il telefono ha due antenne e due slot per la SIM, oltre ovviamente a tutti i componenti hardware necessari per ricevere telefonate e messaggi ed essere connessi alla rete. Succede quindi che nel momento in cui si riceve una chiamata, l’altra SIM rimane potenzialmente attiva e ricettiva, senza essere messa in standby.

Questo non significa che si potrà parlare nello stesso momento con due persone che chiamano su due numeri differenti e con lo stesso telefono, ovviamente, però si hanno a disposizione differenti opzioni, ad esempio passare da una chiamata all’altra senza perdere la linea. Inoltre, se si sta parlando con una persona, si può sospendere momentaneamente la conversazione e avviare la chiamata a un altro numero. Tutto è possibile sullo stesso e unico cellulare Dual SIM Full Active.

Le due tipologie di telefoni Dual SIM hanno una grande differenza anche nella configurazione. Il Full Active infatti non richiede di scegliere la preferenza tra una scheda e l’altra per la connessione a internet o per le chiamate, perché sono attive entrambe contemporaneamente. Invece con il Dual SIM Standby si deve passare dal menu impostazioni per gestire la doppia scheda. In questo modo si può selezionare quale SIM usare per la connessione dati e quale per le chiamate.

Cos’è la tecnologia Dual SIM VoLTE

Il significato della sigla VoLTE è “Voice over LTE” e sta ad indicare la tecnologia che permette telefonare appoggiandosi alla le reti 4G LTE per una qualità di ascolto maggiore, grazie alla disponibilità di uno spettro di banda più ampia. Anche la trasmissione del suono risulta essere più pulita e nitida, eliminando i rumori di fondo per migliorare la comunicazione.

Per accogliere il Dual VoLTE, lo smartphone deve essere ovviamente Dual SIM. Inoltre, le due schede che vengono inserite devono appartenere a operatori che possano offrire il Voice over LTE. Essendo ormai una tecnologia molto diffusa in Italia, lo offrono tutti gli operatori, da TIM a Vodafone, passando per Windtre, Iliad e altri operatori virtuali.

Questa tecnologia è vantaggiosa perché sfruttabile su entrambi gli slot SIM, per non rinunciare alla connettività 4G su nessuna delle due schede.