Libero
SMART EVOLUTION

Digitale terrestre: cosa vuol dire FTA

Se finalmente avete capito cosa vuol dire Mpeg-4, HEVC, H.264 e H.265, allora siete quasi pronti al nuovo digitale terrestre DVB-T2: vi manca solo di sapere cosa vul dire FTA

Come è ormai ben noto a tutti, anche grazie alle campagne pubblicitarie e ai cartelli informativi mandati in onda sui canali RAI e Mediaset, a partire dal 20 ottobre chi non ha una TV o un decoder compatibili con il formato video Mpeg-4 non potrà vedere molti canali di questi due grandi gruppi editoriali. E’ la prima fase tecnica dello switch off al nuovo digitale terrestre di seconda generazione, da tempo annunciata (e più volte rinviata).

Il passaggio dall’Mpeg-2 all’Mpeg-4, insieme al nuovo Bonus TV 2021, sta spingendo molti telespettatori a rottamare i loro vecchi apparati e a comprare una nuova Smart TV o un nuovo decoder, pienamente compatibili con il nuovo segnale televisivo. Il problema di molti, però, è capire cosa stanno comprando perché, a fronte di commessi e venditori spesso poco propensi al dialogo (perché sono costretti, ogni giorno, a rispondere decine di volte alle stesse domande), l’aspirante compratore si trova di fronte ad una giugla di sigle e specifiche tecniche che non riesce a capire: DVB-T2, DVB-T2+S2, DTT, Mpeg, HEVC, H.264 e H.265 e chi più ne ha più ne metta. La cosa non va meglio su Amazon o altri shop online, dove le sigle complicate rimangono ma non c’è nessuno a cui chiedere spiegazioni. Una delle definizioni che è possibile trovare tra le specifiche tecniche dei decoder e delle TV, ma che in pochi ancora conoscono, è FTA. Ecco cosa vuol dire.

Cosa vuol dire FTA sui decoder e le TV

FTA è l’acronimo di “Free-to-Air“, cioè trasmesso liberamente via etere. Per liberamente si intende in modo non criptato, affinché chiunque abbia un decoder FTA possa vedere quel canale senza dover pagare un abbonamento.

La sigla FTA, quindi, accomuna un po’ tutti i decoder visto che la trasmissione di canali gratis sul digitale terrestre è la norma. Salvo rarissime eccezioni, dunque, tutti i decoder esterni e tutte le Smart TV compatibili con il DVB-T2 sono oggi di tipo FTA e possono sintonizzare senza problemi i canali “Free-to-Air“, cioè gratuiti.

Ci sono, però, anche alcuni decoder in grado di sintonizzare sia i canali FTA che quelli criptati.

I decoder FTA per i canali criptati

Come ormai ben sappiamo, la stragrande maggioranza dei canali TV trasmessi sul digitale terrestre sono gratis, ma non mancano quelli criptati. I due esempi principali di canali criptati sono quelli di Sky e il canale 409 di DAZN, usato per trasmettere le partite di Serie A nelle zone d’Italia dove c’è una connessione a Internet abbastanza veloce.

Per vedere questi canali, senza rinunciare a quelli FTA, è necessario avere un decoder in grado di sintonizzare e mostrare entrambi. Nel caso di Sky il decoder necessario è lo Sky Q, nel caso di DAZN è il DAZN TV Box.

Entrambi questi decoder sono in grado di decodificare sia i canali criptati che quelli FTA, ma ovviamente su Sky Q non vedremo il canale 409 di DAZN e sul DAZN TV Box non vedremo i canali di Sky.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963