facebook Fonte foto: Chinnapong / Shutterstock.com
APP

Facebook Study, l'app che paga per spiarti

Facebook ha lanciato l'applicazione Study per controllare cosa gli utenti fanno con il proprio smartphone e verranno ricompensati. Si parte dagli USA

12 Giugno 2019 - Accetteresti di essere spiato da Facebook in cambio di soldi? Gli utenti del social di Zuckerberg residenti in USA e in India dovrebbero iniziare a chiederselo, perché Facebook ha appena annunciato l’arrivo di Study, un’app che traccia il comportamento di chi la installa in cambio di “compensazioni“.

Non si tratta, però, di una novità: Facebook Study non è altro che la versione riveduta e corretta del vecchio programma Facebook Research, criticatissimo in passato poiché era troppo aggressivo nella raccolta dati e perché anche i minorenni potevano accedervi. Con Study, invece, Facebook ci riprova ma mettendo in evidenza che possono partecipare solo gli utenti di oltre 18 anni e che avranno completo controllo sulle loro informazioni e massima trasparenza sul funzionamento dell’app. Facebook, inoltre, garantisce che non venderà i dati raccolti a società terze e che non li userà per personalizzare l’esperienza utente (e le pubblicità) all’interno dei suoi prodotti.

Quali dati raccoglierà Facebook Study

Facebook, questa volta, gioca a carte scoperte e dichiara che Study non registrerà l’ID dell’utente, ma raccoglierà informazioni sulle applicazioni di terze parti installate sullo smartphone, sul tempo che passiamo su queste app, su nazione, device e tipo di rete usata dall’utente e “i nomi delle attività delle app, che potrebbero mostrarci i nomi delle funzioni delle app utilizzate da un partecipante“. Facebook classifica questa operazione come una “ricerca di mercato” e spiega che “Per aiutarci a gestire la logistica del programma di ricerca di mercato, lavoreremo con Applause, un partner di lunga data che ha esperienza nella gestione di questo tipo di ricerche di mercato e collabora con molte altre aziende del settore. Gestiranno il processo di registrazione, tutti i compensi per i partecipanti e l’assistenza clienti“.

Facebook Study: quanto paga, come si aderisce e come si esce

La versione “rispettosa della privacy” del programma Facebook Research, al momento, non è ancora arrivata neanche in USA e India, i primi Paesi dove verrà sperimentata. Facebook pubblicherà (su Facebook stesso, innanzitutto) delle pubblicità tramite le quali l’utente potrà candidarsi per Study. La sua posizione e il suo profilo verranno esaminati e, se ritenuti conformi ai fini del programma, l’utente potrà scaricare l’app. Dopo aver accettato i termini e le condizioni di utilizzo, l’utente dovrà usare normalmente il suo smartphone e le sue app preferite. Da quel momento sarà sotto controllo. Per uscire dal programma basterà disinstallare l’app e comunicarlo a Facebook. Il compenso ricevuto dall’utente, però, è ancora sconosciuto.