formbox Fonte foto: Kickstarter
PMI E INDUSTRIA 4.0

FormBox, la stampante 3D che sfrutta il sottovuoto

Si tratta di una stampante 3D semplice da usare che consente di realizzare dei modelli per duplicare gli oggetti. Molto utile soprattutto in casa. Costerà 500$

Le stampanti 3D, da strumento per pochi eletti (e utilizzate soprattutto in ambito industriale) sono arrivate sulle scrivanie delle persone. Anche grazie al prezzo, diventato più accessibile, e alle dimensioni, sempre più ridotte. Ce ne sono diverse, ma FormBox, in termini di praticità, non ha eguali.

La stampante 3D realizzata da Mayku Industries, un’azienda con sede a Londra, replica gli oggetti sfruttando il principio delle macchine per il sottovuoto. Il cuore dello stravagante oggetto non è, infatti, un motore super tecnologico, ma un semplice aspiratore, che serve per rimuovere tutta l’aria e dare così vita alle forme. La stampante, dalle misure compatte, utilizza degli strati di plastica sottilissimi, i quali vengono riscaldati e poggiati sul modello da ricreare. Per finanziare l’idea, la società britannica nel 2016 lanciò una campagna di raccolta fondi su Kickstarter, una delle principali piattaforme di crowdfunding.

Come funziona FormBox

Il dispositivo della startup inglese è molto utile perché permette di realizzare in pochi secondi molti oggetti. Ed è molto semplice da utilizzare. È sufficiente scegliere il materiale da usare (ce ne sono diversi), accendere la stampante 3D e riscaldare lo strato di plastica. Successivamente, è necessario posizionare il modello da replicare: un bicchiere, un orologio, un piccolo vaso, per fare qualche esempio. A questo punto non resta che collegare il tubo dell’aspiratore al dispositivo ideato da Mayku Industries e avvicinare il sottile foglio sull’oggetto da duplicare. E il gioco è fatto. Bastano pochi secondi, infatti, per realizzare una nuova forma.

A cosa serve la stampante 3D

In realtà, la stampante non crea direttamente degli oggetti, ma dei modelli 3D. Form Box, infatti, dà vita a una sorta di “stampo” da riempire poi con altri materiali: cemento, schiuma, silicone, resina, malta, cioccolato fuso e persino ghiaccio.

Il prezzo? Attorno ai 500 dollari, meno di 450 euro e arriverà sul mercato entro la fine del 2017.

 

Contenuti sponsorizzati