lego smartphone Fonte foto: cjmacer / Shutterstock.com
ANDROID

Google brevetta lo smartphone che si monta come i Lego

L'ufficio brevetti statunitense ha pubblicato le immagini di un progetto di Google per realizzare uno smartphone modulare. Ecco come sarà

15 Febbraio 2019 - Google sta lavorando su uno smartphone modulare e potrebbe presentarlo nel giro di qualche anno. Che cosa è uno smartphone modulare e perché questa notizia è così importante? La particolarità degli smartphone modulari è che possono essere realizzati a seconda delle necessità dell’utente: ogni componente interna può essere sostituita facilmente. In questo modo si può aggiornare il telefonino con nuovi pezzi senza la necessità di acquistare un nuovo dispositivo. Non è la prima volta che Google si lancia nello sviluppo di uno smartphone modulare: già negli anni passati aveva presentato Project Ara, ma il dispositivo era stato cancellato nel giro di pochi anni.

Il progetto del nuovo smartphone modulare è stato anticipato dall’Ufficio Brevetti statunitense che ha pubblicato le immagini del brevetto sul proprio sito Internet. Google aveva presentato il progetto a settembre 2018 e ha ricevuto il brevetto a gennaio 2019. Le foto permettono di capire come sarà lo smartphone modulare: il dispositivo sarà diviso in tre sezioni, ognuna caratterizzata da alcune componenti che potranno essere rimosse e sostituite.

Come sarà lo smartphone modulare di Google

Nella prima sezione trovano posto le componenti principali del dispositivo: il chipset, la batteria, il display e alcuni sensori. Nella seconda, invece, ci sarà posto per la RAM, la fotocamera e uno schermo secondario, se l’utente vorrà inserirlo. La terza sezione servirà da collante e per proteggere il dispositivo dalle cadute. Questa scocca posteriore potrà essere realizzata in diversi materiali soddisfacendo qualsiasi necessità dell’utente.

Essendo il dispositivo modulare, l’utente potrà decidere in qualsiasi momento di sostituire una delle componenti e di migliorare le prestazioni del telefonino. In questo modo non sarà necessario acquistare un nuovo smartphone quando le prestazioni del proprio dispositivo cominciano a diminuire.

È bene ribadire che si tratta solamente di un brevetto e non è detto che lo smartphone modulare arrivi veramente sul mercato. L’unica cosa certa è che Google sta lavorando sul progetto e in futuro oltre al Pixel potrebbe lanciare una nuova gamma di smartphone.