occhi-stanchi Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Guida e consigli per i vostri gli occhi davanti al PC

Il continuo utilizzo di smartphone e computer affatica gli occhi e ne mette a rischio la salute. Ecco alcuni consigli per evitare danni a lungo termine

11 Aprile 2019 - Quante ore passi davanti a uno schermo, sia esso del PC, dello smartphone o del tablet? E cosa fai realmente per tutelare la salute dei tuoi occhi mentre guardi questi schermi? Sono due domande che dovresti farti più spesso e alle quali dovresti trovare delle risposte: il tempo che passiamo davanti gli schermi oggi si è allungato moltissimo rispetto al passato e la salute degli occhi ne può risentire.

Ciò è valido non solo se hai già dei problemi di vista ed usi occhiali o lenti a contatto, ma anche se hai occhi perfettamente sani ma passi ore e ore davanti al PC. Per fortuna ci sono dei suggerimenti molto pratici e semplici da mettere in atto per limitare i danni che gli schermi possono arrecare all’occhio umano e il primo, come sempre, è anche il più semplice: limitare il fattore di rischio, ridurre il tempo durante il quale stai davanti il monitor di un computer o stai guardando smartphone e tablet. O, quanto meno, concedere all’occhio delle pause distogliendo lo sguardo dallo schermo.

Proteggere gli occhi PC con la luce giusta

La quantità e la qualità della luce, non solo quella emessa dal display ma anche quella ambientale, sono fondamentali per proteggere i tuoi occhi quando sei davanti al PC. L’ideale sarebbe avere una luce ambientale il più simile possibile a quella emessa dallo schermo: non deve esserci il buio dietro il monitor, ma neanche una fonte luminosa troppo forte. E la luce ambientale deve essere anche ben diffusa e non “sparata” verso i tuoi occhi.

Proteggere gli occhi al PC se porti gli occhiali

Se usi gli occhiali o le lenti a contatto devi fare i conti anche con la leggera (a volte neanche tanto) distorsione causata dalle lenti. Ne consegue che devi trovare una posizione buona per il monitor, affinché i tuoi occhi possano guardare dritto per non affaticarsi. La cosa si complica se usi lenti progressive, che potrebbero portarti ad assumere posizioni innaturali e dannose per il collo e le spalle. In linea generale lo schermo del PC dovrebbe trovarsi leggermente più in basso rispetto ai tuoi occhi e quello di smartphone e tablet a circa 60-70 centimetri dal tuo volto.

Scegli gli occhiali e le lenti a contatto giusti

Se hai piccoli difetti di vista e per lavoro sei costretto a stare diverse ore al giorno davanti al computer, allora dovresti prendere in considerazione l’idea di acquistare un paio di occhiali o lenti specifiche per diminuire l’affaticamento visivo. Anche se normalmente non porti gli occhiali, perché il difetto visivo non è così grave. Chiedi al tuo medico oculista, ti saprà consigliare la soluzione migliore per il tuo occhio.

Contenuti sponsorizzati