huawei p30 Fonte foto: N.Z.Photography / Shutterstock.com
SMART EVOLUTION

Huawei P40 Pro avrà la batteria al grafene: cosa cambia

Il Huawei P40 e il P40 Pro verranno presentati all'inizio del 2020: ecco come saranno i due nuovi top di gamma

11 Dicembre 2019 - In attesa di risolvere i problemi con il Governo degli Stati Uniti che per il momento non permettono a Huawei di acquistare prodotti dai fornitori statunitensi (Google e Qualcomm in testa), l’azienda cinese continua a lavorare sullo sviluppo di nuovi smartphone. Dopo il Huawei Nova 6, il colosso sta lavorando sui nuovi Huawei P40 e P40 Pro, attesi per il primo quadrimestre del 2020 (molto probabilmente verranno presentati al Mobile World Congress 2020 oppure nel mese di marzo in un evento ad hoc).

Per il momento ci sono molte incertezze sui due nuovi dispositivi e sulla loro uscita sul mercato europeo, ma una cosa è certa: saranno smartphone top di gamma. Huawei vuole dotare la serie P40 con delle nuove batterie al grafene che sostituiranno la classica batteria al litio che finora ha dominato nel mondo degli smartphone. Si tratta di un grosso passo in avanti: le batterie al grafene hanno dimensioni più contenute rispetto a quelle al litio e allo stesso tempo assicurano un’autonomia maggiore. Ecco come sarà la scheda tecnica del Huawei P40.

Le caratteristiche del Huawei P40

Iniziano a uscire i rumor sulla possibile scheda tecnica del Huawei P40 e sul P40 Pro. Lo smartphone dovrebbe avere il processore Kirin 990 5G che oltre ad assicurare ottime prestazioni permette anche di collegarsi alla nuova rete super-veloce. A supporto ci saranno 8GB di RAM e 128GB di memoria interna, espandibile tramite nanoSD (formato utilizzato solo dagli smartphone Huawei). Lo schermo OLED sarà da 6,5 pollici con risoluzione QuadHD+ e refresh rate a 120 Hz.

Il comparto fotografico è molto interessante, come in tutti gli smartphone top di gamma dell’azienda cinese. Nella parte posteriore c’è un sensore principale da oltre 40 Megapixel, supportato da una fotocamera grandangolare da 20 Megapixel, un sensore periscopico da 12 megapixel, un sensore macro e un sensore per la profondità di campo. Nella parte frontale ci saranno ben due fotocamere: al sensore principale sarà affiancata un obiettivo grandangolare. Lo smartphone arriverà sul mercato con Android 10 e la EMUI 10.

Cosa cambia con la batteria al grafene

Se le indiscrezioni sulla presenza della batteria al grafene verranno confermate, si tratterebbe di un grosso passo in avanti per il mondo mobile. Sono diversi anni che si parla della sostituzione delle batteria al litio con quelle al grafene e finalmente sembra essere arrivato il momento. Cosa cambia per l’utente? Le batterie al grafene dovrebbero assicurare un’autonomia maggiore permettendo di coprire fino a due giorni con una singola ricarica. La batteria del Huawei P40 dovrebbe essere da 5.500mAh supportata da una ricarica rapida da 50W.

Quando esce il Huawei P40

Lo smartphone è atteso per il primo quadrimestre 2020. Non c’è ancora una data certa per la presentazione del dispositivo, ma dovrebbe aggirarsi tra la fine di febbraio e l’inizio di marzo. Bisogna sottolineare che i problemi tra Huawei e il Governo degli Stati Uniti ancora non sono risolti e lo smartphone potrebbe arrivare in Europa con un po’ di ritardo.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963