Richiesta permessi Immuni Fonte foto: Immuni
APP

Immuni non funziona su alcuni modelli Android: le possibili ragioni

Dalle recensioni sul Play Store di Google, l'app per il social tracing sembra avere problemi con alcuni modelli di smartphone. Ecco quali e perché

Disponibile su App Store e su Google Play Store, Immuni è finalmente pronta per la sperimentazione iniziale in quattro regioni italiane. L’app di social tracing dovrebbe consentire di seguire il link epidemiologico dei contagiati e avvisare così tutte le persone che, in un determinato lasso di tempo, sono entrate in contatto con lui.

Già dalle primissime ore, però, diverse decine di utenti stanno segnalando sulla pagina Android dell’app dei malfunzionamenti. Come si legge dalle recensioni sul Google Play Store, quasi tutti i possessori di uno smartphone Huawei lamentano il mancato funzionamento in background di Immuni e l’impossibilità di ricevere le notifiche di esposizione (ossia, la parte di codice sviluppata da Google e Apple per inviare le notifiche in caso di contatti con un contagiato). Dietro queste problematiche, molto probabilmente, si nasconde un problema indipendente dalla volontà di Bending Spoon e dello stesso produttore cinese.

Immuni non funziona su Huawei e Honor: quali sono i problemi e perché (probabilmente) non funziona

Probabile, infatti, che i problemi di incompatibilità che si stanno registrando in queste ore dipendano dalla messa al bando di Trump, che dal maggio 2019 impedisce a Huawei di avere qualunque relazione commerciale e tecnologica con le aziende statunitensi. Google inclusa. Tra gli effetti dell’ordine esecutivo del Presidente USA troviamo anche l’impossibilità per Huawei di accedere ai Servizi Mobile Google (o “Google Mobile Services”), che consentono alle app del Play Store di interfacciarsi con le componenti dello smartphone. Come il Bluetooth, per l’appunto, o il sistema di ricezione delle notifiche gestito direttamente da Google.

Per questo motivo, dunque, Immuni non riesce a funzionare in background sugli smartphone Huawei, né può ricevere le notifiche di esposizione, fondamentali per capire se si è stati a contatto con qualche contagiato. Allo stato attuale, dunque, l’app di social tracing è inutile.

Come risolvere i problemi Immuni su Huawei

Al momento, gli utenti possono fare ben poco, se non attendere. Come abbiamo tentato di spiegare, si tratta di un problema di natura tecnica, che va anche al di là delle possibilità di Bending Spoon di trovare una soluzione. Però non è detta l’ultima: visitando il portale ufficiale dell’app, infatti, si scopre che nella pagina “Scarica l’app” è presente anche un terzo banner, oltre a qualli di Play Store e App Store. Si tratta della Huawei App Gallery, lo store di applicazioni su cui il colosso cinese ha iniziato a investire con forza dopo la messa la bando di Trump.

Probabile, dunque, che la casa sviluppatrice milanese stia terminando di realizzare una versione di Immuni che sfrutti i Huawei Mobile Services anziché i Google Mobile Services e che, dunque, elimini tutti i problemi di compatibilità che si sono palesati in queste ore.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963