cybersecurity-aziende Fonte foto: Shutterstock
PMI E INDUSTRIA 4.0

Industria 4.0, come affrontare il problema cybersicurezza

La cybersecurity è un tema cruciale per le aziende di oggi, i Sistemi di Controllo Industriale e la valutazione dei rischi devono essere la base per le PMI

Gli attacchi informatici sono sempre più frequenti e su larga scala. Al momento la loro crescita mette a rischio soprattutto le aziende e le PMI. E in particolare quelle imprese che stanno provando a investire nelle nuove tecnologie relative al contesto dell’Industria 4.0.

Il problema principale è che, almeno durante la sua fase di iniziale sviluppo, l’Industria 4.0 non potrà fare a meno dell’utilizzo massiccio degli oggetti intelligenti e connessi. Per questo motivo per le imprese, specie quelle medio piccole, diventa fondamentale capire come proteggere i propri sistemi e i propri dati. Gli imprenditori dovranno investire nelle nuove tecnologie ma al tempo stesso usare parte del denaro per adottare un Industrial Control Systems, o ICS. In pratica dei Sistemi di Controllo Industriale. All’inizio tutto ciò può rappresentare una spesa importante ma è nulla se paragonato ai danni di un attacco informatico.

Industrial Control Systems

I sistemi di controllo industriale non sono un’invenzione degli ultimi anni, anzi esistono da diverso tempo. Semplicemente nell’ultimo periodo hanno subito un’accelerata nello sviluppo, data anche dall’adozione sempre più frequente di sistemi tecnologici avanzati all’interno delle industrie. Per la sicurezza dell’impresa, le PMI dovranno collaborare con delle figure specializzate esterne. Anche perché in molte realtà imprenditoriali non si hanno ancora le conoscenze per contrastare il fenomeno del cyber crimine. Senza dimenticare poi la formazione del personale interno, un aspetto fondamentale per evitare di cadere in attacchi hacker che potrebbero diffondersi da un dispositivo all’intera Rete aziendale.

Fare un piano dei rischi

La prima mossa da compiere quando si desidera proteggere una rete industriale dagli hacker è quella di fare una valutazione dei rischi. Questo significa analizzare e documentare lo stato della Rete e dei sistemi che sono collegati ad essa. In questo modo è possibile identificare le minacce e i punti di debolezza dell’azienda, e classificarli in base alla loro pericolosità. Dopo la valutazione dei rischi diventa fondamentale fare un piano di sicurezza. Che a questo punto sarà personalizzato in base alla nostra azienda. Molte PMI sbagliano impostando un piano di sicurezza standard che non rispecchia le esigenze dell’azienda.

Contenuti sponsorizzati