iphone 12 apple Fonte foto: Apple
APPLE

IPhone 13 avrà un chip A15 Bionic ancora più potente

L'iPhone 13 sarà equipaggiato con un nuovo chip, l'A15 Bionic, più potente dell'attuale e dai consumi inferiori. Ma non è l'unica novità sui chip di Apple in arrivo

Dall’attuale A14 Bionic al prossimo A15 Bionic, passando però da A14X, da A14T e da una inedita GPU: è questa la roadmap dei chip con architettura ARM di Apple per i prossimi dodici mesi, secondo China Times. Una linea di nuovi chip che andranno ad equipaggiare i primi MacBook e iMac senza CPU Intel (rispettivamente con A14X e A14T e con la nuova GPU) e, l’anno prossimo, anche il nuovo iPhone 13 (con A15 Bionic).

Il tutto è già in produzione a Taiwan, nelle fabbriche di TSMC, per evitare che l’anno prossimo si ripetano i ritardi nella presentazione dell’iPhone causati, quest’anno, dall’emergenza Covid-19. Il nuovo processore A15, secondo China Times, sarà una ottimizzazione dell’attuale A14 e sarà più potente anche grazie al nuovo processo produttivo N5P di TSMC, simile ma più efficiente di quello usato oggi per l’A14. Tutto ciò, indirettamente, sta causando un piccolo terremoto nel mondo dell’elettronica: Apple avrebbe infatti prenotato talmente tanta capacità produttiva da saturare le linee di TSMC e da spingere Qualcomm (che, come Apple, progetta i chip ma non li produce) a farseli costruire dal diretto rivale Samsung.

A15 Bionic: cosa sappiamo fino ad ora

Al momento gli esperti di chip stanno ancora cercando di capire quanto realmente è veloce il chip A14 Bionic di Apple, appena presentato. Sul successore A15 non ci sono notizie certe, ma se è vero come si dice che sarà prodotto con il processo N5P di TSMC possiamo aspettarci discreti miglioramenti di prestazioni.

Il processo N5P è uno dei tre processi a 5 nm che può usare TSMC per produrre i chip. Rispetto all’N5, con cui è realizzato l’A14 di Apple, dovrebbe permettere un aumento di velocità del 7% e una riduzione dei consumi del 15%, ma a parità di design del chip. Ovviamente, però, oltre al nuovo processo produttivo con l’A15 Bionic arriverà anche un nuovo design del SoC. Quindi i miglioramenti prestazionali che possiamo attenderci superano quel 7%.

A14 X, A14T e Apple GPU: cosa sappiamo fino ad ora

Il secondo aspetto molto interessante del report di China Times è quello relativo ad altri due chip Apple: l’A14X e l’A14T. Si tratta dei famosi processori “Apple Silicon” annunciati dalla casa di Cupertino a fine giugno, con la promessa di portare sul mercato un Mac senza processore Intel entro due anni e con la realistica ipotesi di presentare i primi modelli già a fine 2020. Promessa, lo ricordiamo, fatta prima dello scoppio della pandemia.

Sia A14X, che sarà destinato ai MacBook, che A14T, che sarà destinato agli iMac, verranno prodotti con da TSMC con l’attuale processo produttivo 5N a 5 nm, esattamente come l’A14 Bionic normale che equipaggia iPhone 12 e iPad Air 2020. A questi chip Apple affiancherà una GPU per la grafica, sviluppata in casa, per emanciparsi non solo da Intel ma anche da AMD e da Nvidia.

Il noto analista Ming-Chi Kuo di KGI Securities ha previsto che i primi dispositivi equipaggiati con i nuovi chip saranno un MacBook da 13,3 pollici e un iMac da 24 pollici, da presentare tra fine 2020 e inizio 2021. Secondo altri report, invece, a fine 2020 arriverà un MacBook da 12 pollici ultraleggero con chip A14X.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963