netflix audio spaziale airpods Fonte foto: Shutterstock
APPLE

L'audio spaziale di Apple arriva su Netflix

L'audio spaziale di Apple è arrivato sull'app di Netflix per iPhone e iPad compatibili: funziona già con iOS e iPadOS 14, ecco di cosa si tratta.

A stretto giro di posta dall’arrivo dell’audio spaziale su Apple Music, la piattaforma di streaming musicale della Mela, Netflix ha confermato l’avvio dei lavori per l’implementazione della recente novità targata Apple a bordo di iPhone e iPad con iOS 14 e versioni successive.

Quella dell’audio spaziale è una novità arrivata con iOS e iPadOS 14 che ha trovato la prima applicazione nel giugno scorso su Apple Music, quindi essendo piuttosto recente è possibile che qualcuno si sia perso il passaggio e non abbia chiaro in cosa consista. Però è bene dire subito che necessita di un hardware specifico, ma la lista è piuttosto ampia e include, tra gli altri, iPhone 7 e seguenti, iPad dalla sesta generazione, Mini dalla quinta, e così via. Il bacino dei dispositivi Apple capaci di riprodurre contenuti con audio spaziale quindi è abbastanza ampio, ma quelli attraverso i quali ascoltarli è ridotta ad AirPods Pro ed AirPods Max, cioè le cuffie più costose del listino Apple.

L’audio spaziale sull’app di Netflix

La notizia dell’implementazione sull’app di Netflix dell’audio spaziale di Apple è circolata rapidamente, spinta da alcuni colleghi e dalle segnalazioni degli utenti su Reddit, che segnalano in un buon numero la disponibilità su iPhone e collegati ad AirPods Pro e Max. Giungono pure segnalazioni dell’arrivo su Apple TV 4K, ma una volta avviato il rollout da parte di Netflix è solamente questione di tempo affinché arrivi su tutte le piattaforme supportate.

L’arrivo della versione stabile di iOS e iPadOS 15 – attualmente in beta – porterà pure un pulsante virtuale nel Centro di Controllo dei dispositivi con la Mela che permetterà di simulare l’audio spaziale anche su quei contenuti che non lo prevedono in modo nativo. Aggiornando l’app di Netflix alla versione rilasciata circa due giorni fa, i film che non supportano l’audio spaziale riprodotti con delle cuffie compatibili e con un iPhone con iOS 14 non mostrano differenze, mentre chi sta già sperimentando iOS 15 in beta può avere non solo su Netflix l’audio spaziale grazie alla conversione citata in precedenza.

Audio spaziale Apple, di cosa si tratta

L’audio spaziale di Apple è una tecnologia molto simile ad altre più conosciute come il Sony 360 Reality Audio e soprattutto il Dolby Atmos. In altre parole quindi si tratta di un’evoluzione dell’audio surround, quello che si può apprezzare con un sistema home theatre 5.1 o 7.1. Ecco, l’audio spaziale di Apple simula un sistema di questo tipo pur disponendo, di fatto, di due altoparlanti, cioè quelli delle cuffie, e lo fa attraverso dei filtri audio direzionali.

La vera differenza dell’audio spaziale di Apple rispetto alle tecnologie esistenti e peraltro pure più diffuse come il Dolby Atmos è che quello tiene conto di altri fattori come la posizione, l’inclinazione e la rotazione della testa dell’ascoltatore per rendere il tutto ancor più realistico. Per farlo utilizza dei sensori come accelerometri e giroscopi che sono integrati nelle cuffie, ed è per questo che i dispositivi con i quali riprodurre i contenuti con audio spaziale – almeno attualmente – non sono parecchi ma limitati a due.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963