netflix Fonte foto: Bogdan Glisik / Shutterstock.com
TECH NEWS

Netflix riduce la qualità di film e serie TV per non rompere Internet

Netflix ha deciso di ridurre la risoluzione dei propri film e serie TV per non ingolfare la rete. Ecco che cosa cambia

Restate a casa, a vedere Netflix. Ma a bassa risoluzione: il colosso dello streaming ha accettato la richiesta di Thierry Breton, commissario europeo per il mercato interno e i servizi, che chiedeva di ridurre il carico generato dallo streaming dei contenuti per non intasare la rete.

Analoga richiesta, con identico risultato, è stata avanzata anche a Google affinché abbassasse la quantità di dati trasmessi da YouTube. Come conseguenza di queste misure non ci saranno limitazioni ai contenuti che è possibile guardare su Netflix o YouTube, ma ci sarà un abbassamento del bitrate. Si stima che questa misura possa ridurre il carico sulla rete Internet generato da Netflix di circa il 25%. Dati analoghi per YouTube. Come dimostrato da test empirici, infatti, la differenza tra l’impatto sulla rete di una trasmissione in risoluzione standard e una in 4K è di uno a dieci.

Perché Netflix abbassa il bitratte di film e serie TV

In questo periodo di emergenza coronavirus gli hashtag non si contano. Quello scelto da Breton è #SwitchToStandard e riassume perfettamente la richiesta della UE ai colossi dello streaming: continuare a offrire contenuti, per intrattenere i sempre più numerosi europei confinati a casa, ma facendo tutti un sacrificio per lasciare preziosa banda dati a disposizione degli altri utenti che non guardano film e serie Tv, ma che hanno bisogno di Internet. Anche per lavorare, visto il sostanziale obbligo di passare tutti allo smart working.

Netflix e YouTube rispondono

La proposta è stata formalizzata da Thierry Breton nel corso di due distinte telefonate. La prima con Reed Hastings, CEO di Netflix, la seconda con Sundar Pichai, CEO di Google. Entrambi gli AD hanno accettato la richiesta, che molto probabilmente verrà ora estesa anche agli altri servizi simili come Amazon Prime Video, Apple TV+ e Disney+ che arriverà tra pochi giorni (il debutto in Italia è stato anticipato al 24 marzo).

Quanto pesa lo streaming

Il carico generato dalla trasmissione in streaming di film e serie Tv è veramente imponente. Ma (e sta qui il motivo di #SwitchToStandard) varia moltissimo in base alla risoluzione adottata. Una recentissima indagine di SosTariffe.it, infatti, ha svelato che il bitrate medio di uno streaming a risoluzione standard è pari a 1,93 Bb/s, quello di una trasmissione in HD (1080p) sale a 4,5 Mb/s mentre per il 4K si consumano in media 19,31 MB/s. Come direbbe il Presidente del Consiglio italiano, “Non ce lo possiamo più permettere“.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963