Guardie vaticane con elmo Fonte foto: Drop of Light / Shutterstock.com
TECH NEWS

Novità in Vaticano: gli elmi delle Guardie Svizzere stampati in 3D

Addio ai vecchi Morioni in metallo e largo all’innovazione, anche nello Stato Papale. Ecco come saranno i nuovi elmetti in PVC pensati per le Guardie Svizzere

26 Febbraio 2019 - Le nuove tecnologie approdano anche in Vaticano: presto i tradizionali elmi delle Guardie Svizzere saranno stampati in 3D. Fino a oggi, i cosiddetti Morioni erano in metallo, materiale pesante e antiquato, capace di creare non pochi disagi a chi lo indossava. Il cambiamento è quindi rivoluzionario e promette di migliorare la vita delle Guardie.

Inoltre, darà un tocco di innovazione a tutto lo Stato Papale. I Morioni, insieme alla famosa uniforme colorata, vengono indossati dalle Guardie Papali fin dal 1914. La forma dell’elmetto richiama lo stesso modello usato in tutta Europa tra il XVI e il XVII secolo. Le falde hanno una caratteristica forma a mezzaluna, che sarà rinnovata con i nuovi modelli in 3D. La novità non stravolgerà l’aspetto delle Guardie, ma i più attenti potranno notare il cambiamento. Sicuramente, i nuovi Morioni saranno più comodi e leggeri, e miglioreranno la qualità di vita dei collaboratori papali.

Come saranno i nuovi elmetti in 3D delle Guardie Svizzere?

Il nuovo Morione sarà più leggero rispetto all’attuale, realizzato in metallo. Tale materiale trattiene il calore e può diventare rovente durante le afose giornate estive, provocando addirittura ustioni e insolazioni alle Guardie del Vaticano. Questa rivoluzione quindi è tutt’altro che scontata, considerando che questi uomini sono costretti a stare per ore in piedi sotto il sole. Il metallo quindi andrà in pensione, a favore del moderno PVC, che è resistente ai raggi UV.

I nuovi elmetti manterranno la forma originale, infatti saranno realizzati sulla base di modelli risalenti al XVI secolo. Un’altra caratteristica essenziale è sicuramente il peso e la conformazione: appena 530 grammi poggiati sul capo (rispetto ai 2 Kg precedenti) , dove spiccherà un sistema di fessure per fare traspirare la cute. Fino ad ora, gli elmi venivano realizzati solo da artigiani specializzati, e il lavoro durava circa 130 ore per ogni pezzo. Per produrre un elmetto in 3D saranno sufficienti appena 14 ore.

L’annuncio della novità è stato dato nel 2018, quando la Guardia Svizzera comunicò l’arrivo di un nuovo casco realizzato in 3D, più leggero e confortevole. In totale sono stati ordinati 120 nuovi elmi, consegnati alle guardie a partire dal 22 gennaio.  Anche dal punto di vista della sicurezza non c’è alcuna preoccupazione: i nuovi Morioni saranno utilizzati dalle Guardie durante importanti cerimonie papali, come messe e visite di Stato.

Ancora una volta la stampa 3D viene utilizzata in modo assai produttivo e utile, e in futuro verrà sicuramente adoperata sempre di più per costruire oggetti necessari per la vita di tutti i giorni.