app fake whatsapp Fonte foto: oasisamuel / Shutterstock.com
APP

Perché non devi scaricare le app fake di WhatsApp

Online si trovano false applicazioni di WhatsApp che promettono funzionalità extra, ma che in realtà rubano i dati degli utenti

L’interfaccia è identica a quella di WhatsApp, con l’unica differenza che hanno un nome differente e offrono delle funzionalità in più rispetto all’applicazione di messaggistica. Stiamo parlando delle applicazione fake di WhatsApp, app con milioni di download che promettono strumenti fantasmagorici ma che in realtà nascondono pericoli seri per la sicurezza dei dati personali. Si tratta di applicazioni molto conosciute dagli utenti italiani che in passato ne hanno abusato, pensando che fosse legale utilizzarle al posto di WhatsApp.

Le varie GBWhatsapp, YoWhatsapp e FMQhatsapp sono nuovamente tra le app più scaricate in alcune parti del Mondo negli ultimi mesi. Molto utenti ingolositi dalle funzionalità premium stanno nuovamente installandole sui loro dispositivi, non curanti dei pericoli. Cosa si rischia a installare una di queste applicazioni? I pericoli sono diversi: malware che bloccano l’utilizzo del PC, messaggi che non usufruiscono più della crittografia end-to-end e che in questo modo possono essere letti da qualsiasi hacker. Ma non solo. Nei termini di utilizzo di WhatsApp queste applicazioni sono vietatissime e se scoperti a usarle si rischia la cancellazione permanente dell’account.

Che cosa sono le app fake di WhatsApp

Si tratta di applicazioni che permettono di scambiarsi i messaggi utilizzando la piattaforma di WhatsApp, ma che offrono alcune funzionalità premium non presenti nell’app di messaggistica. Sono molto diffuse soprattutto tra gli adolescenti che non si curano dei problemi relativi alla sicurezza informatica. Tra le app fake di WhatsApp più scaricate ci sono: GBWhatsapp, YoWhatsapp e FMQhatsapp e WhatsApp Plus.

GBWhatsapp, YoWhatsapp e FMQhatsapp, quali sono le funzionalità premium

Cosa offrono di così particolare le false app WhatsApp? Si tratta di strumenti molto diversi tra di loro. Alcune, ad esempio, permettono di inviare immagini e video senza nessuna limitazione nella grandezza, oppure di gestire più account contemporaneamente sullo stesso dispositivo. Altre ancora integrano degli strumenti per personalizzare le chat, dal font fino alla dimensione dei messaggi. Funzionalità che per molti sembrano inutili, ma che per una fascia di utenti risultano essere fondamentali.

GBWhatsapp, YoWhatsapp e FMQhatsapp, quali sono i pericoli

Se il messaggio che abbiamo dato finora non è chiaro, lo ripetiamo ancora una volta: le false app di WhatsApp sono pericolose per gli utenti che le utilizzano. In primis, si tratta di app che vengono scaricate da store online di terze parti (non possono essere pubblicate sul Google Play Store perché vengono subito eliminate) di cui non si conosce la natura e su cui i controlli sono minimi. Quindi non si sa se all’interno dell’app si nascondono malware in grado di infettare e rendere inutilizzabile lo smartphone.

Inoltre, queste applicazioni non utilizzano il sistema di crittografia end to end che protegge i messaggi che ogni giorno inviamo su WhatsApp. Questo vuol dire che un qualsiasi hacker può entrare in possesso dei nostri messaggi senza che noi possiamo far nulla per difendere i dati personali.

Infine, l’utilizzo di app come GBWhatsapp, YoWhatsapp e FMQhatsapp è proibito dai termini di utilizzo di WhatsApp. Chi viene colto “con le mani nella marmellata” rischia la cancellazione dell’account senza nessuna possibilità di tornare su WhatsApp, se non cambiando numero di telefono.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963