monitor Fonte foto: hkhtt hj / Shutterstock.com
HOW TO

Si può usare TV come monitor del PC?

Stai cambiando il TV in salotto e vuoi sapere se puoi collegare il vecchio al PC che hai nello studio? Ecco tutto quello che c'è da sapere

6 Maggio 2019 - A prima vista sono molto simili, per non dire identici. Magari cambieranno le dimensioni, ma la tecnologia dei pannelli e dei connettori è di fatto la stessa. Per questo motivo in molti si chiedono se si può usare un televisore come monitor del PC (e viceversa). La risposta, come spesso accade nel mondo dell’informatica, non è univoca.

In alcuni casi, e a patto di accettare dei compromessi, si può usare il TV come monitor di un PC; in altri casi, quando si hanno particolari necessità e aspettative, il TV non può essere utilizzato al posto del monitor di un computer. Insomma, tutto dipende da cosa devi fare e cosa ti aspetti: vediamo nel dettaglio quando si può usare il TV come monitor del PC e quando, invece, non è possibile.

Differenze tra connettori

In questo settore le differenze tra monitor e TV sono minime, se non inesistenti. Entrambi, infatti, utilizzano lo standard HDMI, che garantisce ottime performance e supporta risoluzioni native 4K senza alcun problema. I monitor, però, hanno anche altri ingressi per sorgente video, più adatti per utenti dalle esigenze particolari. Gli amanti del gaming, ad esempio, troveranno molto utile un monitor con ingresso DisplayPort, che garantisce il supporto per risoluzioni e frequenze di aggiornamento superiori rispetto a quelle dell’HDMi.

I TV sono molto più grandi

Se a livello di connettività non ci sono grandi differenze, a livello esteriore monitor e TV differiscono per le dimensioni del pannello. Solitamente, infatti, i monitor non superano i 30 pollici di diagonale e, in caso di monitor da ufficio, hanno un rapporto forma particolare (i modelli con rapporto 21:9 disponibili sul mercato sono ormai moltissimi). I televisori, invece, hanno diagonali anche di molto maggiori (alcuni modelli arrivano anche a 90 pollici, ad esempio) ma, a parità di risoluzione, le immagini saranno più sgranate e meno definite rispetto a quelle di un monitor. Insomma, anche in questo caso il discrimine è l’utilizzo che se ne vuole fare: un gamer apprezzerà i monitor per la definizione delle immagini, mentre chi utilizza il PC a mo’ di media center potrà “accontentarsi” anche di un televisore.

Occhio al lag

Anche se la tecnologia sembra essere la stessa, i pannelli dei TV sono realizzati con tecnologie e caratteristiche differenti rispetto a quelli dei monitor. Come sempre, questa differenza nasce dalle diverse esigenze e dalle diverse “risposte” che questi due dispositivi devono dare. Il televisore deve garantire una maggior definizione e maggior chiarezza delle immagini, mentre i monitor puntano più sulla “velocità” di esecuzione. Se, ad esempio, stai realizzando un PC gaming devi cercare un monito che riduca al minimo il tempo di latenza; se, invece, stai realizzando un sistem home theater è meglio scegliere un TV con risoluzione FullHD o 4K.

Contenuti sponsorizzati

TAG: