Libero
Twitter Blue Fonte foto: Jirapong Manustrong/Shutterstock
APP

Twitter conferma: arriva il tasto Edit, ma si paga

Il tasto edit per modificare un post pubblicato avrà una scadenza di 30 minuti e gli utenti potranno vedere la cronologia delle modifiche

Il fermento delle novità che riguardano Twitter continua: dopo aver rilasciato su scala globale la funzione che consente a ogni utente di aprire le "Circle", una sorta di circolo privato e esclusivo di contatti (anche se non sono followers), ora il social ci stupisce nuovamente con un aggiornamento molto richiesto e utile, ma questa volta a pagamento.

Il tasto Edit, ossia l’opzione che consente di modificare i tweet dall’editor di testo, è una di quelle classiche funzioni presenti un po’ su tutti i social ma non su Twitter. La motivazione è sempre la stessa, ossia la filosofia del social, come ha avuto modo di ripetere svariate volte il fondatore Jack Dorsey, non prevede correzioni anche di un semplice refuso, perché lo spirito del tweet è di offrire la massima genuinità, errori inclusi. Filosofia che però irrita e ha irritato, tantissimi utenti di Twitter, tra cui Elon Musk, uno dei frequentatori più assidui e senza filtri del social, che si è battuto a lungo per ottenere il tasto Edit. La funzione, però a sorpresa, dopo essere stata testata arriverà, ma solo per gli utenti abbonati a Twitter Blue.

350 mila cuoricini per il tasto edit

L’annuncio dell’arrivo del tasto Edit è stato dato ufficialmente dal profilo di Twitter su Twitter (perdonate il gioco di parole). Le reazioni non si sono fatte attendere e, in poche ore, il tweet ha totalizzato: oltre 50 mila risposte, 45 mila condivisioni e 350 mila cuoricini.

Insomma, il popolo di Twitter sembra entusiasta all’idea anche se in moltissimi non hanno colto la questione che bisogna essere abbonati per usufruire della funzione che consente di modificare un tweet.

Le regole del tasto Edit su Twitter

Le modifiche effettuate tramite il tasto Edit potranno essere più di una, ma dovranno essere effettuate entro 30 minuti dalla pubblicazione del post. Trascorso questo tempo, non si potrà più modificare, quindi non sono concessi ripensamenti o cambi nella strategia di comunicazione, magari causati da una "shit storm", ossia da una valanga di insulti e commenti negativi: chi ha sbagliato a scrivere un post, intenzionalmente o casualmente, se ne assume la responsabilità senza via di fuga.

I Tweet modificati saranno distinguibili per la presenza di icona, un timestamp (ossia ora e data di pubblicazione) e un’etichetta (tag) in modo che sia chiaro agli altri utenti che il Tweet originale è stato modificato.

Inoltre, per maggior trasparenza, facendo tap sull’etichetta, gli utenti saranno indirizzati alla cronologia delle modifiche del Tweet, che elenca tutte le versioni modificate del tweet fino al post originale.

Ricordiamo, infine, che l’abbonamento a Twitter Blue dal prossimo ottobre passa da 2,99 dollari a 4,99 dollari al mese e che attualemnte è attivo solo negli Stati Uniti, in Canada, Australia e Nuova Zelanda.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963