Libero
ANDROID

Vivo X100 e X100 Pro, l'ora della verità per il MediaTek Dimensity 9300

I nuovissimi Vivo X100 e Vivo X100 Pro sono ufficialmente disponibili in versione global, il primo vero test sul campo per il processore MediaTek Dimensity 9300

Vivo X100 Fonte foto: Vivo

I nuovissimi Vivo X100 (in foto) e Vivo X100 Pro sono ufficialmente disponibili sui mercati internazionali. Dopo il lancio in Cina, l’azienda ha reso disponibile i suoi top di gamma in versione global, con gli utenti che finalmente potranno testare di proprio pugno le potenzialità dell’attesissimo MediaTek Dimensity 9300, finito al centro della scena per colpa consumi e temperature (potenzialmente) molto elevate.

Vivo X100 e X100 Pro: schede tecniche

Vivo X100 e X100 Pro hanno molte specifiche in comune a partire dallo stesso display AMOLED da 6,78 pollici, con risoluzione 1,5K, refresh rate fino a 120 Hz e 3.000 nit di luminosità di picco.

Identico su entrambi i modelli anche il processore MediaTek Dimensity 9300 a cui si affiancano 12/16 GB RAM e 256/512 GB di memoria di archiviazione.

Cambia il comparto fotografico con il modello base che ha un sensore principale da 50 MP con stabilizzazione ottica dell’immagine (OIS), un sensore ultra-grandangolare da 50 MP e un teleobiettivo periscopico con zoom 3x da 64 MP con OIS. Presente anche un chipset per l’imaging, un Vivo V2, già visto su altri device del produttore cinese.

Il modello Pro, invece, ha sensore principale da 50 MP OIS, un sensore ultra-grandangolare da 50 MP e un teleobiettivo periscopico con zoom 4.3x da 50 MP con OIS. Cambia anche l’ISP, col produttore che ha optato per più recente Vivo V3. Per entrambi i modelli la fotocamera frontale è da 32 MP.

Per le connessioni, abbiamo: il 5G, il WiFi 7, il Bluetooth 5.4, l’USB-C, l’NFC, l’emettitore a infrarossi e i diversi sistemi di geolocalizzazione tramite satelliti.

Vivo X100 Pro ha una batteria da 5.400 mAh con ricarica cablata da 100 W e ricarica wireless da 50 W. Il modello base scende a 5.000 mAh con ricarica cablata da 120 W.

Il sistema operativo è Android 14 con interfaccia Origin OS 4. Infine, i device sono certificati IP68 e sono, quindi, resistenti alla polvere e all’acqua anche in caso di brevi immersioni.

MediaTek Dimensity 9300: l’ora della verità

I nuovi Vivo X100 e Vivo X100 Pro non arriveranno in Italia, visto che Vivo di recente ha abbandonato il nostro mercato. Nonostante questo, però, il lancio internazionale è molto importante perché corrisponde alla prova decisiva per il chip MediaTek Dimensity 9300, accusato di raggiungere temperature elevate che lo costringono a limitare di molto la frequenza operativa.

Come confermato, il componente di MediaTek non ha core ad alta efficienza, una decisione che garantisce prestazioni di altissimo livello ma ha anche scatenato molti dubbi sui consumi e sul surriscaldamento dei dispositivi in cui è installato.

La prima testimonianza al riguardo è arrivata dagli stress test (eseguiti proprio su Vivo X100) condivisi dallo youtuber Sahil Karoul, che hanno rivelato una riduzione delle frequenze di clock dei core del 46%, dopo circa due minuti dall’inizio del test.

Dati subito smentiti da MediaTek che li ha definiti “falsati” e “lontani dagli scenari di utilizzo del mondo reale”, invitando le persone a provare il chip in condizioni normali e su device diversi che, però, non sono ancora arrivati sul mercato.

Per questo motivo l’uscita globale di Vivo X100 e Vivo X100 Pro è così importante, perché permetterà a utenti e appassionati di tecnologia di testare sul campo (e senza gli eccessi di uno stress test) il processore dell’azienda taiwanese e scoprire se realmente la situazione è così “drammatica” come ha mostrato il video di Sahil Karoul o se il chip è davvero affidabile come dice MediaTek.