Libero
APP

WhatsApp testa una novità per i messaggi vocali che Telegram ha già dal 2018

Con forte ritardo rispetto alla concorrenza WhatsApp inizia a lavorare ad una nuova funzione che renderà molto più comodo usare i messaggi vocali.

I messaggi vocali hanno rivoluzionato il modo in cui comunichiamo tramite le app di chat, tanto che oggi sono al centro di un nuovo business “solo audio" in cui sono entrate app come Clubhouse (e a breve anche Twitter). WhatsApp ha introdotto i messaggi vocali nel lontano 2013, ancor prima di essere acquistata per 19 miliardi di dollari dal gruppo Facebook.

Poi, però, Facebook sembra essersi un po’ dimenticata di questa funzione che, oggi, non è poi così diversa da quella originale. Nel frattempo, tuttavia, centinaia di milioni di utenti WhatsApp in tutto il mondo hanno iniziato a usare i messaggi vocali, perché sono comodissimi per comunicare quando non possiamo scrivere sulla tastiera dello smartphone. Il problema, però, è che qualcuno ne approfitta e ogni tanto ci invia il classico messaggio vocale da 10 minuti che non finisce più e, paradossalmente, è un modo scomodissimo di comunicare. A breve, però, WhatsApp introdurrà una novità per risolvere questo problema: la possibilità di cambiare la velocità di riproduzione dei messaggi vocali.

Messaggi vocali veloci: come funzioneranno

L’arrivo dei messaggi vocali “veloci“, che possono cioè essere riprodotti a velocità superiore a quella normale, non è ancora una funzione sulla quale WhatsApp sta lavorando ufficialmente: si tratta di una indiscrezione del ben noto sito WABetaInfo, il più informato sugli aggiornamenti in cantiere in casa WhatsApp.

Oltre all’affidabilità della fonte, poi, c’è da considerare il fatto che WhatsApp non annuncia quasi mai preventivamente le novità che sta per introdurre, ma poi le introduce realmente come è successo nei giorni scorsi con le videochiamate da WhatsApp Desktop.

Non sappiamo molto sull’opzione per cambiare la velocità di playback dei messaggi, quindi, se non il fatto che la funzionalità è in fase di sviluppo sia per le app Android che per quelle iOS. Verosimilmente la si potrà usare premendo una apposita icona aggiunta ai controlli di riproduzione dei vocali.

WhatsApp è in ritardo

La notizia che WhatsApp sta per introdurre la possibilità di riprodurre i vocali a velocità superiore ha fatto sorridere gli utenti affezionati di Telegram, la più quotata tra le piattaforme alternative a WhatsApp. Su Telegram, infatti, questa funzione c’è già da parecchio.

E’ stata infatti annunciata, e introdotta (Telegram, tra il dire e il fare, ci mette al massimo un mese) a fine giugno 2018. Su Telegram è possibile scegliere solo tra velocità di riproduzione normale per i messaggi vocali e velocità 2X, non sappiamo ancora se WhatsApp offrirà controlli più raffinati.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963