WhatsApp su smartphone Huawei Fonte foto: Nopparat Khokthong / Shutterstock.com
TECH NEWS

Huawei: WhatsApp, Instagram e Facebook non saranno più preinstallate

Secondo un'indiscrezione Reuters, le app del gruppo Facebook non saranno più installate di default sui prossimi smartphone Huawei. Per gli utenti cambia poco

7 Giugno 2019 - I prossimi smartphone Huawei non avranno più preinstallate in fabbrica le app del gruppo Facebook. Lo riporta Reuters spiegando che ciò è dovuto alla guerra commerciale in atto tra USA e Cina, che ha già portato Google a togliere il supporto ufficiale Android agli smartphone del colosso cinese.

Poiché Huawei è ormai dentro la “black list” delle compagnie estere che possono minare la sicurezza nazionale americana, anche Facebook è stata costretta ad agire in modo simile a Google. Di conseguenza, addio a Facebook, WhatsApp e Instagram sui device di Huawei, anche se gli utenti potranno installarle successivamente all’acquisto del telefono. Non è certo una buona notizia per Huawei che, nel 2018, ha visto la sua divisione smartphone crescere fino al punto di diventare la più importante nel bilancio dell’azienda. Ma, come vedremo, non lo è neanche per Facebook. Poco cambia, in realtà, per gli acquirenti di uno smartphone Huawei.

Cosa cambia per gli utenti

Secondo le fonti anonime citate da Reuters, mentre la fine dei rapporti ufficiali tra Google e Huawei avverrà realmente dopo 90 giorni dall’inserimento di quest’ultima nella famigerata lista di Donald Trump (seconda metà di agosto), le app di Facebook Inc. sarebbero già state tolte dagli smartphone che non hanno ancora nemmeno lasciato le fabbriche di Huawei. I device che stanno per arrivare sugli scaffali dei negozi, quindi, sarebbero già in buona parte senza le app di Facebook preinstallate.

Gli utenti, comunque, potranno continuare a utilizzare le app: una volta avviato il dispositivo e configurato, potranno scaricare le app dal Play Store (fino a quando ci sarà) o da AppGallery. I possessori di uno smartphone Huawei con l’app di Facebook, Instagram o WhatsApp installata (o preinstallata in fabbrica) in precedenza, invece, continueranno a ricevere gli aggiornamenti regolarmente. Non è dato sapere, al momento, se anche per questo tipo di utenti in futuro ci saranno delle ripercussioni.

Cosa cambia per Huawei e Facebook

Per Huawei non è certo una buona notizia, ma una conferma del fatto che la scelta politica dell’amministrazione americana sta portando l’azienda cinese sempre più verso l’isolamento. D’altronde il mondo dell’elettronica di oggi è fatto così: l’hardware nasce in Cina, il software negli Stati Uniti e se USA e Cina litigano ci vanno di mezzo le aziende e gli utenti. Ma neanche per Facebook è una buona notizia perché perde milioni di potenziali utenti in tutto il mondo. A metà 2018, infatti, Huawei è diventata il secondo produttore al mondo di smartphone, dopo Samsung che resta in testa, facendo scendere Apple al terzo posto. Al momento né Facebook né Huawei hanno commentato la notizia riportata da Reuters.