azienda-industria-4 Fonte foto: Shutterstock
PMI E INDUSTRIA 4.0

I 4 trend dell'industria manifatturiera 4.0

Le nuove metodologie di lavorazione, apportate dalla trasformazione tecnologica, avranno un impatto sull'attività di produzione e trasformazione del prodotto

È ormai un dato di fatto che nell’industria globale è in corso un cambiamento epocale, conosciuto con il nome di quarta rivoluzione industriale. Così come è successo in passato, le fabbriche stanno virando, infatti, verso sistemi di lavorazione differenti e improntate sulle nuove tecnologie.

Le metodologie apportate dalla trasformazione tecnologica, conosciuta anche con il nome di Industria 4.0, avranno un impatto soprattutto sul manufacturing, ossia sull’attività di produzione e trasformazione del prodotto. I processi produttivi delle imprese, infatti, vengono – e verranno sempre di più –automatizzati. Un ruolo determinante sarà giocato dai robot collaborativi, macchine in grado non solo di svolgere compiti in automatico e in maniera veloce, ma anche di interagire e lavorare a fianco della tradizionale forza lavoro. Le fabbriche apriranno le porte anche alla realtà virtuale e aumentata, tecnologie che al momento sembrano appartenere ad altri settori. Ecco alcuni dei principali trend che cambieranno l’industria manifatturiera.

Realtà virtuale e aumentata

Entrambe le due tecnologie saranno destinate a reclamare sempre più attenzione nell’Industria 4.0. Anche se ancora il loro impiego è in una fase embrionale, la realtà virtuale e aumentata saranno determinanti. Consentiranno alle imprese di ottenere vantaggi sia in termini di produzione che di costi. La realtà virtuale, ad esempio, potrà essere utilizzata per effettuare delle simulazioni attendibili. Pensiamo al comparto automobilistico, dove le aziende sono costrette a realizzare molti prototipi. Con la realtà virtuale sarà possibile ricreare i processi produttivi in maniera veloce e verificare potenziali difetti, muovendosi a 360 gradi.

Stesso discorso per la realtà aumentata, una tecnologia che consente di proiettare immagini virtuali nel mondo reale. Restiamo sempre nell’automotive. Se durante una delle fasi di assemblaggio si rompe un componente, il dipendente può utilizzare la realtà aumentata per capire come e dove intervenire, senza ricorrere a nessun manuale di istruzioni.

Stampa 3D

La quarta rivoluzione industriale cambia l’azienda anche per quanto riguarda la realizzazione di un pezzo. Sono sempre di più, infatti, le industrie che ricorrono alla stampa 3D. I vantaggi sono molti. Innanzitutto, le periferiche 3D permettono di ridurre il materiale utilizzato per produrre un pezzo. Questo significa diminuire sia i costi, ma anche gli sprechi (e dunque pure le emissioni). E poi, sono molto pratiche poiché dimezzano i tempi di produzione e di consegna. E aiutano le fabbriche a migliorare il rapporto con i propri clienti.

Automazione

Come detto, l’Industria 4.0 sarà soprattutto automatizzata. Il cambiamento coinvolgerà molti settori, oltre a quello manifatturiero. Al momento, le aziende che stanno utilizzando i robot sono soprattutto quelle automobilistiche ed elettroniche, che saranno seguite presto anche da altre imprese. In particolare, il 2018 segnerà uno spartiacque tra i vecchi sistemi di produzione e i nuovi. Impiegare i robot significa rendere i processi di lavorazione più efficienti e veloci. E nonostante le paure, le macchine non prenderanno il posto dell’uomo, ma creeranno nuovo lavoro.

Sistemi cloud

Determinanti saranno anche i sistemi di cloud computing, che permetteranno all’azienda di sostituire macchine non più necessarie per l’archiviazione e semplificheranno la rete IT dell’impianto. Inoltre, rappresenteranno il contenitore dove saranno custoditi i Big Data, informazioni aggregate raccolte da robot, sensori intelligenti e oggetti sempre connessi dell’Internet of Things. Gran parte del successo di una azienda dipenderà dalla capacità di leggere e interpretate tutti questi dati.

Contenuti sponsorizzati