robot-riparano-da-soli Fonte foto: Shutterstock
PMI E INDUSTRIA 4.0

Industria 4.0, i robot del futuro si ripareranno da soli

La manutenzione predittiva sarà uno degli aspetti fondamentali nelle imprese di domani per ridurre sprechi e periodi di inattività

25 Ottobre 2017 - I giorni di inattività, per guasti meccanici, riparazioni e inceppamenti nella produzione non esisteranno nelle imprese che aderiranno all’Industria 4.0. I nuovi sensori intelligenti, l’Internet of Things, l’apprendimento automatico, il cloud e i Big Data, infatti, permetteranno ai robot di ripararsi da soli e di non fermare mai la produzione.

Un progetto di ricerca, denominato SelSus, ha provato a dimostrare come le interruzioni nelle imprese di domani saranno minime. I macchinari, infatti, non avranno bisogno di un controllo costante degli operai per funzionare a regime ma sapranno gestirsi da soli. O meglio non saranno soli perché il Machine Learning e i Big Data forniranno loro le informazioni necessarie per migliorare la produzione o per riparare alcune parti malfunzionanti. Il progetto è avvenuto sotto il controllo costante di Ford. L’azienda automobilistica è stata tra le prime imprese mondiali a credere nelle nuove tecnologie e nella manutenzione predittiva.

Industria 4.0 e manutenzione predittiva

Lo scopo della manutenzione predittiva non è solo quello di monitorare lo stato delle macchine e dei componenti ma anche quello di individuare potenziali punti deboli o segni di usura prima che rallentino la produzione oppure la rendano meno efficiente. Il progetto SelSus al momento ha portato alla realizzazione di un braccio robotico in grado di sapere quando la produzione non sta avvenendo al massimo regime o quando alcuni componenti della catena di montaggio stanno lavorando al di sotto delle proprie possibilità per usura o guasti. Il robot è persino in grado di intuire quando un cavo o un filo è sovraccaricato rispetto al lavoro che fa solitamente. In questo modo il robot può aggiustare il malfunzionamento per far riprendere la produzione evitando dei danni economici importanti per l’impresa. La sfida dei produttori è quella di costruire dei robot che sappiano adattarsi perfettamente al lavoro dell’azienda nella quale verranno usati. La manutenzione predittiva, infatti, è efficace solo se il robot ha appreso i giusti algoritmi. Per questo, stando ai ricercatori, prima di usare macchinari del genere sarà fondamentale che gli imprenditori collaborino con i produttori per fornire loro i dati necessari attraverso i quali insegnare al robot a comportarsi all’interno dell’azienda.

Contenuti sponsorizzati