iPhone 11 Fonte foto: Shutterstock
APPLE

IOS 14, ufficiale la lista degli iPhone compatibili

Una rivista israeliana anticipa la lista degli iPhone compatibili con iOS 14. E, se venisse confermata, consentirebbe di aggiornare melafonini vecchi di 6 anni

La retrocompatibilità di iOS 14, l’ultima versione del sistema operativo mobile di Apple che verrà presentato ufficialmente il 22 giugno durante la World Wide Developer Conference 2020 (che per la prima volta nella storia, causa coronavirus, sarà un evento solo online) arriverà fino ai dispositivi vecchi sei anni.

Il portale israeliano The Verifier ha infatti diffuso una prima lista, ritenuta affidabile, di dispositivi Apple che saranno compatibili con iOS 14. Ed è bella lunga, perché oltre a contenere i prossimi iPhone 12 l’elenco riporta tutti gli smartphone di Apple fino all’iPhone SE. Il primo SE, non quello del 2020 (che ovviamente sarà compatibile, essendo nuovissimo). Naturalmente non c’è modo di accertare l’affidabilità di questa lista, ma l’elenco dei modelli sembra credibile perché Apple ha più volte dimostrato di voler allungare il più possibile la vita utile dei suoi dispositivi tramite aggiornamenti del sistema operativo che arrivano anche ai modelli più vecchi.

Quali iPhone riceveranno iOS 14

Venendo alla lista, i dispositivi che saranno compatibili con iOS 14 saranno:

  • nuova gamma iPhone 12,
  • iPhone SE (2020),
  • iPhone 11, iPhone 11 Pro, iPhone 11 Pro max,
  • iPhone XS, iPhone XS max,
  • iPhone XR,
  • iPhone X,
  • iPhone 8, iPhone 8 Plus,
  • iPhone 7, iPhone 7 Plus,
  • iPhone 6s, iPhone 6s Plus,
  • iPhone SE (2016).

A questi smartphone, il più vecchio dei quali è l’iPhone 6 del 2014, si aggiunge la settima generazione di iPod touch, quella cioè presentata a metà 2019

iOS 14: le novità

Su tutti questi dispositivi iOS 14 porterà principalmente migliori prestazioni e una gestione più efficiente della memoria e poche vere grandi novità. La più visibile, se verrà confermata nella versione finale del sistema operativo, saranno i widget nella home screen. Una funzionalità che Android offre già da svariati anni, ma che Apple potrebbe interpretare in modo originale.

Una seconda novità attesa su iOS 14 riguarda la presenza del traduttore integrato dentro la barra degli indirizzi di Safari, anche in questo caso una funzionalità presente da un bel po’ nell’ecosistema di Google. Originale, e molto interessante, potrebbe essere invece la funzionalità “Clips” per provare le app ritenute poco affidabili prima di installarle. E questa, invece, potrebbe essere una feature che Google farebbe bene a copiare da Apple.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963