App per gestire le spese Fonte foto: 123rf
APP

5 app per gestire le spese

Per tenere sotto controllo le spese di casa e personali esistono molte applicazioni, con diverse funzioni che aiutano a gestire le entrate e le uscite.

La famiglia è in tutto e per tutto assimilabile ad un’azienda, nella quale è vitale tenere sotto controllo le entrate e soprattutto le uscite. Essere in grado di far quadrare i conti è un’attività manageriale anche quando parliamo di bollette, spese per servizi oppure per beni di prima necessità o voluttuari. La tecnologia ha intercettato questo bisogno quotidiano e ha messo a disposizione degli utenti delle utili app per la gestione delle spese con funzionalità più o meno specifiche. In questa breve guida, ti mostriamo quali sono quelle più comunemente usate e per quale scopo te ne puoi servire.

App per dividere le spese: il libro contabile personale o familiare

Un tempo c’era un blocco di appunti, un quaderno, sul quale venivano annotate le spese quotidiane, settimanali, o ancora mensili. Il funzionamento delle app per tenere il conto delle spese ricalca lo stesso concetto: avere sotto controllo le uscite programmabili e quelle impreviste. Il loro utilizzo permette non solo di evitare spiacevoli situazioni, come il ‘conto in rosso’, ma anche – se sfruttate al meglio – di risparmiare su alcuni servizi, come per esempio le bollette.

Un libro contabile che voglia definirsi tale si compone di due voci essenziali: entrate e uscite. Le prime possono essere fisse, nel caso di dipendenti con stipendio, o variabili, nel caso di lavoratori autonomi. Ne consegue che se è vero che ogni nucleo familiare ha un reddito specifico, è altrettanto verosimile che debba far fronte alle medesime tipologie di spese. Compilare un elenco è il primo passo per fare mente locale e organizzare poi al meglio la gestione delle uscite. Questa lista non vuole essere assolutamente esaustiva, ma può aiutarti a suddividere le uscite per macro categorie:

  • mutuo o affitto per la casa;
  • beni di prima necessità, generi alimentari e prodotti per la casa;
  • spese sanitarie;
  • spese per scuola e istruzione;
  • bollette, luce, acqua, gas, abbonamenti TV etc;
  • gestione e manutenzione automobile / motorino: assicurazione, bollo, carburante, revisione etc;
  • beni voluttuari, vacanze, hobby, accessori, uscite etc.

5 app per gestione spese da provare

Le app per tenere i conti che trovi qui di seguito sono solo alcune di quelle disponibili. Perché abbiamo scelto queste e non altre? Perché sono gratis, compatibili con i sistemi operativi Android e iOS e perché ciascuna di esse ha delle funzionalità che possono rispondere ad esigenze specifiche.

  1. GoodBudget: partiamo con un ‘asso’ del settore. Questa app consente di sincronizzare i dati dell’account, così da poter avere il polso delle entrate e delle uscite di tutta la famiglia e da condividere le informazioni anche sullo smartphone di un altro familiare. Potrai impostare i tuoi limiti di spesa e attraverso infografiche vedrai quali sono le voci di costo che incidono maggiormente sul bilancio mensile.
  2. SosTariffe è un esempio perfetto di quello che dicevamo nella premessa. Un’app specializzata in particolare sui costi delle utenze come gas, luce, acqua, telefonia etc. Con essa potrai scoprire offerte e promozioni per risparmiare sulle bollette di casa.
  3. Mint Personal Finance interagisce con il conto corrente bancario, registrando automaticamente prelievi e pagamenti dal conto abbinato. Inoltre ogni spesa viene etichettata per categoria. L’app è disponibile in lingua inglese e si ripaga del download gratuito, mostrando pubblicità ai propri utenti.
  4. Monefy nonostante il nome è un’app completamente in lingua italiana. Come altre applicazioni per la gestione delle spese domestiche, permette di impostare un budget mensile e di registrare sia le entrate che le uscite. Il suo punto di forza è la grafica gradevole e soprattutto intuitiva, con icone e bottoni che facilitano la comprensione delle funzionalità.
  5. Expensify è forse l’app più professionale fra quelle per la gestione spese, utilizzata non solo in ambito familiare ma anche professionale, per esempio dai lavoratori che compilano la nota spese per il rimborso dalla propria azienda. Il punto di forza è il sistema SmartScan: scattando foto a scontrini di pagamento e bollette, i costi verranno automaticamente registrati e saranno organizzati in fogli Excel per il bilancio mensile.

TAG:

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963