Libero
SCIENZA

Hanno osservato per la prima volta uno squalo bianco appena nato: l'avvistamento incredibile

Per la prima volta, due biologi sono riusciti ad avvistare uno squalo bianco neonato: si tratta di un evento che potrebbe far luce sulle abitudini riproduttive di una specie a rischio.

Squalo bianco Fonte foto: iStock

I grandi squali bianchi sono creature maestose e bellissime, ma anche piuttosto misteriose. Sul loro conto conosciamo moltissimi dettagli, eppure ci sono informazioni che sfuggono persino ai massimi esperti: ad esempio, come sono appena nati e dove vengono al mondo? Forse, una nuova scoperta può finalmente fare luce su questi affascinanti interrogativi. Due biologi, infatti, potrebbero essere riusciti ad avvistare uno squalo bianco neonato per la prima volta in assoluto.

Il rarissimo avvistamento dello squalo bianco

Il grande squalo bianco (Carcharodon carcharias) è il più grande pesce predatore al mondo e il terzo più grande in assoluto – dopo lo squalo balena e lo squalo elefante. Si tratta di una specie ovovivipara: questo significa che gli esemplari femmina covano le uova nel loro grembo, all’interno del quale si schiudono una volta giunte a maturazione e i cuccioli vengono poi partoriti vivi. Finora, nessuno aveva mai avuto l’occasione di avvistare uno squalo bianco neonato, e si dibatte ancora su quali siano i luoghi in cui le femmine vadano a partorire.

Ma nel luglio 2023, due esperti di biologia hanno fatto un avvistamento sensazionale. Carlos Gauna, regista di fauna selvatica, e Phillip Sternes, dottorato del dipartimento di Biologia dell’Università della California – Riverside, stavano riprendendo video e foto aeree al largo della costa californiana meridionale, nei pressi di Carpinteria. All’improvviso hanno notato un grande squalo bianco nuotare sotto il pelo dell’acqua: le sue caratteristiche hanno subito suscitato qualche dubbio. L’esemplare, osservato in immagini ingrandite e fatte scorrere al rallentatore, aveva dimensioni piuttosto piccole (circa 1,5 metri di lunghezza) e un colore pallido.

Gli squali bianchi solitamente hanno un mantello grigio nella parte superiore, mentre solo il ventre è davvero bianco. Questa creatura, invece, appariva completamente avvolta da una “pellicola” bianca che ha iniziato pian piano a staccarsi mentre nuotava. “Credo fosse uno squalo bianco appena nato che stava perdendo il suo strato embrionale” – ha affermato Sternes in un comunicato stampa. Nello studio pubblicato su Environmental Biology of Fishes, gli autori hanno spiegato che, nel ventre materno, i cuccioli di squalo si nutrono di uova non fecondate e di latte secreto dalla madre nell’utero. Probabilmente è proprio questa sostanza a fornire allo squalo la sua insolita colorazione.

I tanti interrogativi sullo squalo bianco

La scoperta è davvero sorprendente, ma lascia irrisolti ancora molti interrogativi. Il primo riguarda proprio lo strato bianco di cui era coperto: potrebbe essere stato latte materno, ma anche il sintomo di una malattia della pelle ancora sconosciuta. Inoltre, un grande squalo bianco femmina partorisce solitamente dagli 8 ai 12 cuccioli alla volta, ma i biologi sono riusciti ad avvistarne solo uno. Questo apre un’enorme parentesi sul luogo in cui avviene il parto degli squali bianchi, un vero mistero per gli esperti. Già alcuni studi avevano suggerito che questa località al largo della costa della California meridionale fosse una vera e propria “nursery”.

È possibile che il piccolo squalo bianco avvistato fosse appena nato in acque costiere poco profonde, sebbene un evento del genere non sia mai stato osservato. Oppure, è possibile che l’esemplare sia stato partorito a grandi profondità, e che per via della sua ampia mobilità già in così tenera età si sia spostato ad enorme distanza dal luogo in cui l’evento è avvenuto. Qualsiasi sia la realtà, l’avvistamento dello squalo bianco – che con tutta probabilità è davvero un neonato – si rivelerà molto importante per individuare nuovi dettagli sullo sfuggente ciclo riproduttivo di una specie a rischio di estinzione.

TAG: