pec obbligatoria Fonte foto: Shutterstock.com
TECH NEWS

La PEC è un successo: lo dice l'Agenzia per l'Italia Digitale

La PEC è un successo, come emerge dai dati dell'Agenzia per l'Italia Digitale: gli italiani ne hanno capito i vantaggi. Ecco come aprirne una

Gli ultimi dati pubblicati dall’AgID, l’Agenzia per l’Italia Digitale, fotografano l’attuale stato di adozione delle caselle di Posta Elettronica Certificata nel nostro Paese: a fine giugno 2020 quelle attive erano 11.486.460, cioè quasi 11,5 milioni, e nel bimestre maggio-giugno sono stati scambiati 377.661.074 messaggi di posta certificata. 

Gli italiani, quindi, sembrano ormai aver capito i vantaggi di questa tecnologia e si stanno anche preparando alla data del 1° ottobre, quando per tutti i professionisti iscritti a un albo sarà obbligatorio avere una PEC. Cosa che, molto probabilmente, si ripercuoterà in modo positivo sui dati relativi al bimestre luglio-agosto, che l’AgID dovrebbe comunicare a breve. Una ulteriore spinta alla PEC, infine, arriverà dal decreto legge 76/2020, cioè il cosiddetto “Decreto Semplificazioni” che indica la posta elettronica certificata come strumento principale di dialogo con la Pubblica Amministrazione.

I vantaggi della PEC

Un messaggio di Posta Elettronica Certificata equivale, per la legge italiana, ad una raccomandata A/R. Ciò vuol dire che tutte le comunicazioni che oggi richiedono l’invio di una raccomandata si potranno a breve fare proprio tramite PEC. E’ attualmente in discussione alla Camera dei Deputati, ad esempio, la possibilità di rendere obbligatoria la PEC per tutti gli automobilisti.  

Già da anni, per la precisione dal 1° luglio 2013, aziende e Pubblica Amministrazione possono comunicare solo tramite PEC. Qualsiasi comunicazione inviata in forma cartacea, se non abbinata ad un messaggio PEC, non è più ammessa. Per iscriversi alla maggior parte dei concorsi pubblici, inoltre, è ormai necessaria una PEC. 

Una casella di Posta Elettronica Certificata, inoltre, può essere eletta come domicilio digitale per ricevere, in modo sicuro e senza rischi di alcun tipo, comunicazioni ufficiali da parte di Enti Pubblici, Tribunali, Agenzia delle Entrate e così via. Infine, la PEC può essere usata anche per ricevere le fatture elettroniche

Come aprire una casella PEC 

Ottenere una casella di Posta Elettronica Certificata è molto semplice ed economico. E’ ad esempio possibile scegliere la casella di Posta Elettronica Certificata, che ad un costo di soli 14,99 euro l’anno offre anche 1 GB di spazio per gli allegati. Considerando che il prezzo di una raccomandata con ricevuta di ritorno varia, in base al peso del plico, da 5,40 a 8,05 euro si fa presto a capire che con la PEC si risparmia.

E non si risparmiano solo soldi, ma anche tempo: non è necessario fare la fila allo sportello e si ha la consegna praticamente immediata del messaggio (e ci arriva immediatamente la ricevuta di ritorno). Nel caso in cui non c’è più il tempo per inviare una raccomandata, quindi, un messaggio PEC risolve il problema in pochi secondi. 

Risparmia tempo e denaro! Attiva la Pec con Libero, la posta elettronica numero 1 in Italia.

  • Valore legale per le tue mail
  • 1GB di spazio
  • Spedisci raccomandate dal pc di casa

ATTIVA LIBERO FAMILY PEC

TAG:

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963