Libero
SCIENZA

In arrivo la prima eclissi solare dell'anno: come e quando vederla

Non sarà visibile in Italia ma non per questo non esistono dei modi per vederla: ecco cosa sapere su come assistere alla prima eclissi solare del 2024, prevista per l'8 aprile

Mancano ancora alcuni mesi, ma prepararsi è fondamentale: la prima eclissi solare del 2024 è in arrivo, e sia che si voglia programmare un viaggio per raggiungere i luoghi dai quali sarà visibile, sia che si voglia sapere come vederla comodamente da casa propria, è bene cominciare a mettere insieme tutte le informazioni utili.

Data e ora della prima eclissi solare del 2024

Ma partiamo dall’inizio. Quando sarà la prima eclissi solare del 2024? L’appuntamento è fissato per lunedì 8 aprile e vi diamo immediatamente una notizia non proprio gradevole: non sarà possibile vederla in Italia. Il nostro Paese non sarà infatti minimamente sfiorato dall’evento, dunque non stupitevi se quel giorno, alzando gli occhi al cielo, sarà tutto esattamente uguale a ogni giorno (in compenso ci aspettano altri eventi astronomici, non temete).

Nei luoghi dove sarà visibile, l’eclissi avrà inizio alle ore 17.42: il Sole a quest’ora si eclisserà parzialmente. Gradualmente, la nostra Stella Madre si oscurerà fino a venire interamente coperta dall’ombra della Luna alle 18.38. Come mai, però, è importante conoscere gli orari anche per noi che non la vedremo dal vivo?

Come vedere l’eclissi solare?

Semplice, perché anche se è vero che il cielo italiano non sarà “fortunato” e che dalla nostra posizione sul globo non riusciremo a vedere l’eclissi solare dal vivo, è altrettanto vero che sarà possibile vederla in streaming, seguendo tutte le evoluzioni dell’evento astronomico, minuto per minuto.

Naturalmente, mano a mano che il momento si avvicinerà, le informazioni su dove vedere l’eclissi solare aumenteranno. Intanto, però, alcune piattaforme hanno già dato per certa la live: si parte dal sito web di skywatching timeanddate.com, che per altro dovrebbe anche mostrare una diretta finale con alcuni pareri da parte di astrofisici ed esperti in materia solare.

Anche il sito web della NASA (anche per mezzo del suo canale Youtube) e la web tv dell’ESA (Agenzia Spaziale Europea) copriranno l’evento. Molto probabilmente, inoltre, come già accaduto, diversi canali e magazine a vocazione scientifica useranno i loro social network (in particolare Instagram e TikTok) per mostrare a un vasto pubblico la diretta.

Dove sarà visibile l’eclissi solare?

Come abbiamo già ribadito, la prima eclissi solare di quest’anno non sarà visibile dall’Italia. I Paesi dove la si potrà ammirare dal vivo, in tutta la sua magnificenza e particolarità, saranno Canada, Messico e Stati Uniti.  Per la precisione, il fenomeno attraverserà cinque fusi orari nordamericani.

L’ombra che “oscurerà” il nostro Sole andrà dal Mazatlán in Messico fino a Terranova in Canada: coprirà, in sostanza, una stretta striscia di Terra che però è abitata da ben 31 milioni di persone che saranno in grado di vederla nel cielo diurno. Queste persone avranno una notevole fortuna, perché, per altro, questa eclissi coinciderà con il momento di massima attività della nostra Stella Madre: una condizione straordinaria che la rende un’eclissi più speciale che mai.

Se state pensando di fare un viaggio per assistere a questo splendido fenomeno astronomico, vi ricordiamo che non è possibile vederlo a occhio nudo: guardare direttamente il Sole può causare danni agli occhi e secondo la NASA neanche gli occhiali da sole normali forniscono una protezione sufficiente.

Sempre la NASA, informa che però esiste un buon metodo fai da te: usare un pezzo di cartone e un foglio di carta stagnola per creare un dispositivo ottico stenopeico, che permette di visualizzare il riflesso dell’eclissi. Occorre ritagliare un foro di circa 2.50 centimetri al centro del pezzo di cartone e poi fissarci sopra la stagnola. A questo punto occorrerà fare un altro piccolissimo foro nella carta stagnola, tenere il cartone a qualche metro da terra e guardare l’ombra che si crea. Al centro dell’ombra si dovrebbe vedere una macchia di luna che durante l’eclissi si oscurerà.