Libero
SCIENZA

Pioggia di meteoriti, eclissi e superlune: tutti gli eventi astronomici da non perdere nel 2024

Dalle stelle cadenti alle Superlune, dalle congiunzioni alle eclissi: ecco tutti gli eventi astronomici del 2024 che dovete assolutamente segnare in calendario preparandovi a osservazioni suggestive

Tutti riflettono sui buoni propositi per il nuovo anno ormai alle porte, ma perché non puntare (letteralmente) più in alto? È il momento di cerchiare sul calendario tutti gli eventi astronomici del 2024, in modo tale da segnarli sulla vostra agenda e sì, inserire tra le intenzioni dei prossimi dodici mesi quella di osservare un pizzico di più il cielo.

Per altro, i 366 giorni in arrivo (sì, il nuovo anno sarà bisestile) saranno davvero carichi di appuntamenti di spicco, in grado di lasciare a bocca aperta anche gli osservatori più esperti: fra i tanti, infatti, figurano anche un’eclissi solare totale e il passaggio di due comete. Pronti a scoprirli tutti?

Baci nel cielo ed eclissi mozzafiato

Cercheremo di andare per ordine anche se, come vi dicevamo, l’agenda è davvero fitta. Già a partire da gennaio sarà possibile assistere ad alcuni incontri incantevoli nel cielo, con una Luna intenta a cambiare spesso i suoi “amanti”: l’8 gennaio incontrerà Venere, il 9 Mercurio, il 14 Saturno e il 27 Marte. Questi baci si ripeteranno spesso nel corso dell’anno e, naturalmente, coinvolgeranno anche altri pianeti: il 15 febbraio e il 13 marzo, per esempio, il nostro satellite “amoreggerà” anche con Giove.

Nei primi mesi dell’anno si verificheranno inoltre due eventi mozzafiato: l’eclissi penombrale di Luna il 25 marzo e, soprattutto, l’eclissi solare totale l’8 aprile. Purtroppo, dobbiamo dirvelo in anticipo, quest’ultimo spettacolare appuntamento non sarà visibile dall’Italia, anche se sarà possibile vederlo online: oscurerà infatti i cieli del Nord America, causando tre minuti di buio.

2024: tra stelle comete e stelle cadenti

Il mese di aprile sarà anche il momento del passaggio della prima stella cometa dell’anno: si tratta di una cometa criovulcanica tre volte più grande del Monte Everest, chiamata 12P/Pons-Brooks. Il 21 del mese questa stella raggiungerà il suo perielio, ovvero il punto più vicino al Sole e dovrebbe diventare visibile a occhio nudo. Quasi in concomitanza con questo spettacolo, si verificherà anche il picco delle Liridi, stelle cadenti note per essere particolarmente brillanti e visibili.

A maggio, il cielo sarà invece solcato dalle Eta Acquaridi, mentre nei mesi successivi sarà possibile veder “cadere” le Delta Acquaridi (luglio 2024), le classiche e attesissime Perseidi della notte di San Lorenzo (agosto 2024). Le stelle cadenti si fermeranno giusto fra settembre e ottobre, in tempo per fare spazio alla seconda stella cometa del 2024, C/2023 A3 (Tsuchinshan-ATLAS), che diventerà visibile a occhio nudo il 12 ottobre. Quando la cometa sbiadirà, l’attenzione tornerà alta sulle meteore con le Leonidi di novembre e le Geminidi di dicembre.

Lune piene e “l’anello di fuoco”

Naturalmente, anche quest’anno ci saranno delle lune piene mozzafiato a rischiarare i nostri cieli. Le lune piene del 2024 sono previste per il 25 gennaio, 24 febbraio, 25 marzo (con la già citata eclissi penombrale), 23 aprile, 23 maggio, 22 giugno, 21 luglio, 19 agosto, 18 settembre, 17 ottobre, 15 novembre e 15 dicembre. Particolarmente suggestive saranno le lune da agosto a novembre: saranno infatti tutte Superlune, con la coincidenza tra la Luna nella sua fase piena e il suo punto di minor distanza della Terra.

Un altro evento di spicco? L‘eclissi solare anulare del 2 ottobre. Anche in questo caso, però, l’Italia non potrà godersi lo spettacolo dal vivo: il sole si trasformerà in un “anello di fuoco” per via della copertura della luna, che stavolta non sarà totale e lascerà appunto scoperti i “bordi”. A osservare lo spettacolo live saranno coloro che vivono in Argentina e Cile, ma anche in questo caso niente paura: le agenzie spaziali, infatti, organizzeranno delle dirette streaming.