Libero
samsung exynos 2200 Fonte foto: Samsung
TECH NEWS

Quanto è veloce il chip Samsung Exynos 2022 di Galaxy S22

I primi test reali sui dispositivi Samsung dotati di chip Exynos 2200 sembrano deludenti, ma siamo davvero sicuri di quali siano i parametri importanti?

Adesso che la gamma Samsung Galaxy S22 e quella Galaxy Tab S8, entrambe dotate del nuovo chip Samsung Exynos 2200, sono state ufficializzate e i primi dispositivi iniziano a circolare, è finalmente possibile sapere quanto è veloce il nuovo processore Samsung per i top di gamma 2022. O, in altre parole, se è più veloce Qualcomm Snapdragon 8 Gen 1 o Samsung Exynos 2200 (in attesa di vedere dal vivo MediaTek Dimensity 9000).

Se questa è a domanda, la risposta non è lusinghiera per il nuovo chip di Samsung, che dai risultati dei primi test deluderebbe sia per le prestazioni generali che per quelle della grafica. Dalla nuova GPU realizzata in collaborazione con AMD, infatti, ci si aspettavano faville e, invece, l’incremento di prestazioni c’è ma non è così alto come si sperava. Altissimo, invece, l’incremento di prestazioni della NPU, cioè la parte del chip deputata a calcolare gli algoritmi di intelligenza artificiale. Algoritmi che, lo ricordiamo, sono sempre più usati per l’elaborazione dei pixel catturati dalle fotocamere. E, infatti, i primi scatti di Galaxy S22 sono veramente ottimi.

Quanto è veloce Exynos 2200

Da Twitter, per la precisione dall’account di TechAltar, arriva il confronto tra il nuovo Exynos 2200 e il precedente Exynos 2100. Questi, in estrema sintesi, i risultati:

  • CPU: +5%
  • GPU: +17%
  • NPU: +115%

L’incremento del 5% per la CPU è un risultato, inutile negarlo, veramente scarso: ci si aspettava non meno del 15-20% in più di prestazioni. Sotto le aspettative anche il risultato della GPU mentre, al contrario, è sopra le aspettative quello della NPU.

La cosa più interessante, però, è il fatto che questi incrementi di prestazioni lasciano pensare ad una forte somiglianza tra questo nuovo chip di Samsung e il chip Google Tensor, usato nei Pixel 6 e Pixel 6 Pro. Tensor, in effetti, è stato realizzato in collaborazione con Samsung, quindi forse i due progetti sono gemelli diversi.

Cosa non sappiamo di Exynos 2200

Va anche precisata una cosa importante: se gli incrementi di prestazioni fossero realmente questi, andrebbe anche bene perché, in fin dei conti, non è questa la cosa realmente importante. Come vi abbiamo spiegato più e più volte, infatti, ormai i chip top di gamma sono fin troppo potenti e, al massimo, andrebbe migliorato qualche altro aspetto oltre alla potenza bruta.

Ad esempio i consumi di energia e la produzione di calore, come dimostra il chip top di gamma 2021 Qualcomm Snapdragon 888 che, nel giro di pochissime settimane, è stato ribattezzato “la stufetta" a causa della grande produzione di calore e degli elevati consumi.

Di Exynos, al momento, non conosciamo ancora né i consumi nell’uso reale quotidiano né la quantità di calore prodotto. Quando avremo questi dati potremo dire se si tratta di un progetto riuscito o no.

© Italiaonline S.p.A. 2022Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963