radiazioni-smartphone Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Radiazioni smartphone pericolose, come difendersi

Il dipartimento di salute pubblica della California ha diffuso un documento contenente alcuni consigli per ridurre l’effetto delle onde radio degli smartphone

Lo smartphone fa male alla salute? Una domanda cui molti hanno provato a dare una risposta, senza però che si sia mai riusciti a trovare un accordo unanime sulla questione. Un nuovo elemento di discussione e valutazione è aggiunto dal California Department of Public Health (Dipartimento per la salute pubblica della California, paragonabile al nostro Ministero della salute).

Il CDPH ha infatti rilasciato una sorta di decalogo per l’utilizzo degli smartphone (ma applicabile anche ad altri dispositivi che utilizzano onde radio) così da ridurre l’esposizione all’energia e radiazioni prodotte dai nostri device di comunicazione. Una guida che, alle orecchie di molti, suona come un campanello di allarme e confermerebbe la teoria che le radiazioni del cellulare sono pericolose e lo smartphone fa male alla salute. A onor del vero, nel documento del dipartimento californiano non si afferma con assoluta certezza che le radiazioni siano pericolose, ma si invita comunque a un uso moderato degli smartphone.

A chi si rivolge il documento sulle radiazioni smartphone del CDPH

Il documento, si legge nel messaggio di presentazione, si è reso necessario a causa del crescente utilizzo di smartphone e dispositivi mobili da parte di bambini, preadolescenti e adolescenti. Anche se la comunità scientifica non ha raggiunto un consenso sui rischi legati all’utilizzo dei dispositivi mobili, le ricerche suggeriscono che un utilizzo intenso e prolungato dei cellulari possa far male alla salute. “Ci sono forti preoccupazioni – afferma la dottoressa Karen Smith, a capo del dipartimento di Public Health – che un’esposizione prolungata alle onde radio e all’energia emessa dagli smartphone possano causare danni alla salute delle persone, in special modo dei più piccoli. Fortunatamente, mettendo in atto dei semplici comportamenti è possibile ridurre l’effetto negativo dell’esposizione alle onde radio”.

Come ridurre gli effetti dell’esposizione alle onde radio

Prima di tutto, quando possibile si deve evitare di tenere lo smartphone vicino al proprio corpo e non tenerlo sul comodino vicino al letto mentre si dorme. Da non dimenticare, poi, che l’emissione dell’energia dovuta alle onde radio è maggiore quando la copertura del segnale cellulare è minore: nel caso in cui vi troviate in una zona con servizio scarso o quasi completamente assente, tenete lo smartphone “a riposo” sino a che non torniate in un’area adeguatamente servita. Per ridurre gli effetti dell’esposizione alle onde radio è più che consigliabile evitare di vedere video o ascoltare musica in streaming o scaricare file di grandi dimensioni. Infine, inviate SMS anziché fare chiamate e, se proprio non potete farne a meno, utilizzate auricolari (anche Bluetooth).

Contenuti sponsorizzati