Libero
WEARABLE

Smartwatch: questa sarà la prossima rivoluzione

Samsung ha confermato lo sviluppo di una tecnologia per il monitoraggio non invasivo del glucosio e della pressione sanguigna per gli smartwatch del futuro

diabete misurazione glicemia Fonte foto: Shutterstock

Il settore degli smartwatch si prepara a una nuova rivoluzione, con un focus sempre più evidente sul monitoraggio della salute degli utenti. Samsung, infatti, intende alzare notevolmente il livello della capacità di monitoraggio dei suoi wearable nel corso dei prossimi anni, sfidando apertamente Apple e la sua gamma di Apple Watch.

Tra le novità in arrivo, come anticipato da Bloomberg, c’è un nuovo sistema non invasivo per il monitoraggio del glucosio e della pressione sanguigna in grado di fornire misurazioni costanti e precise, aiutando gli utenti a tenere sotto controllo la propria salute.

Si tratta di una tecnologia che potrebbe diventare centrale per i prossimi smartwatch Samsung oltre che per il nuovo Galaxy Ring, l’anello smart anticipato in occasione della presentazione dei Galaxy S24 ma non ancora pronto per il lancio commerciale.

Samsung e il sensore di glucosio

Un’intervista rilasciata da Hon Pak, manager della divisione di Samsung che si occupa dello sviluppo di prodotti e servizi dedicati alla salute degli utenti, conferma la volontà dell’azienda coreana di rinnovare la sua gamma di wearable con un focus sul monitoraggio della salute: “Se riusciamo a monitorare la pressione sanguigna e il glucosio in modo continuo, siamo in un contesto differente“. Tradotto: abbiamo qualcosa che le altre centinaia di modelli concorrenti non hanno.

La possibilità di realizzare sensori in grado di garantire un monitoraggio non invasivo di questi parametri permetterà a Samsung di rendere ancora più efficaci i suoi dispositivi. L’azienda coreana starebbe investendo in modo significativo in questo progetto e punta a raggiungere i primi risultati entro cinque anni. 

Al momento, come confermato da Pak, Samsung sta valutando varie tecnologie per raggiungere l’obiettivo di realizzare un sistema non invasivo (senza il ricorso a un ago) per il monitoraggio continuo e in tempo reale della pressione del sangue e dei livelli di glucosio.

L’azienda dovrà trovare anche il modo di realizzare sistemi in grado di fornire risultati precisi e affidabili. Efficienza e precisione rappresentano elementi essenziali per poter trasformare gli smartwatch del futuro in prodotti in grado di monitorare parametri della salute al pari di un dispositivo medico. E, soprattutto, di ricevere le opportune certificazioni da parte degli Enti Pubblici preposti.

Una tecnologia sempre più importante

Apple lavora da tempo a una tecnologia in grado di consentire a uno smartwatch di effettuare misurazioni di parametri come la glicemia in modo affidabile e senza dover pungere la pelle. Un rapporto di Bloomberg dello scorso anno ha confermato i passi avanti ottenuti dall’azienda di Cupertino, sempre più vicina all’implementazione di nuovi sistemi di monitoraggio sui prodotti della gamma Apple Watch.

Samsung, come confermato in queste ore, segue la stessa scia e sta investendo in modo significativo in ricerca e sviluppo con l’obiettivo, come sottolineato in precedenza, di ottenere risultati importanti nel giro di cinque anni. Oltre agli smartwatch, l’azienda coreana punta a sfruttare questa tecnologia anche sugli anelli smart.

Nel prossimo futuro, due dei principali produttori di smartwatch al mondo potrebbero essere in grado di mettere a disposizione degli utenti un sistema efficace e non invasivo per il monitoraggio di parametri come il glucosio. Con una crescita significativa delle diagnosi di diabete in tutto il mondo, questa tecnologia potrebbe rivelarsi essenziale.