Icona WhatsApp Fonte foto: BigTunaOnline / Shutterstock.com
TECH NEWS

WhatsApp, nuova funzione cambierà il modo in cui navighiamo

La versione bet di WhatsApp per Android si arricchisce di un browser in-app, che consentirà di aprire i link senza uscire dalla piattaforma

15 Marzo 2019 - Novità in arrivo con la nuova versione di WhatsApp per Android, la 2.19.74 attualmente in beta. Nelle pieghe dell’app di messaggistica potrebbe avere un browser in-app per navigare sul Web ogni volta che clicchiamo su un link condiviso in una chat. Questa feature, scoperta da WABetaInfo, è presente nella versione beta ma attualmente disabilitata di default e non è ancora chiaro se il browser debutterà con questo update o con uno dei prossimi.

Ogni volta che cliccheremo su un link condiviso su WhatsApp, quindi, non verrà più aperto il browser predefinito (nella stragrande maggioranza dei casi Chrome Mobile) ma il browser proprietario del servizio di messaggistica istantanea. Esattamente come succede già da tempo su Facebook. WABetaInfo tranquillizza tutti sulla privacy: WhatsApp non potrà accedere alla nostra precedente cronologia o alle nostre ricerche, perché il browser in-app usa una API di Android che lo tiene separato da tutto il resto. Tuttavia, il nuovo browser registrerà una propria cronologia parallela, che sarà diversa da quella di Chrome (o del nostro browser predefinito).

Navigazione protetta

Inoltre, il browser integrato in WhatsApp supporterà la funzione “Safe Browsing introdotta da Google con Android 8.1. Si tratta di una funzionalità che avverte l’utente quando apre una pagina Web infettata da virus, malware o altro codice malevolo. Al momento, per quello che è l’attuale sviluppo del browser nella versione beta di WhatsApp, non è possibile fare screenshot dei siti che stiamo navigando. Non è nota la ragione di ciò e non è detto che la cosa non cambi quando l’in-app browser debutterà ufficialmente. Al momento la versione  2.19.74 di WhatsApp è aperta ai beta tester attraverso il  Google Play Beta Programme.

Nuovi rischi per la privacy?

L’integrazione di un browser nativo dentro WhatsApp renderà di certo più comodo usare l’applicazione: per seguire i link condivisi nelle chat non dovremo più uscire dall’app e per tornare alla chat basterà fare tap una o più volte sul tasto indietro. Tuttavia, è anche chiaro che, grazie al browser integrato, WhatsApp potrà sapere quali siti visitiamo e il nostro comportamento sul Web, almeno per le sessioni di navigazione che partono dalla chat. Chi non si fida della gestione della privacy di WhatsApp/Facebook, quindi, potrebbe preferire aprire comunque i link tramite un altro browser, rinunciando alla comodità di quello in-app. Tuttavia, i dati sull’uso del browser in-app di Facebook mostrano che sono veramente in pochi gli utenti che fanno questa scelta.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963