android 11 Fonte foto: Mr.Mikla / Shutterstock.com
ANDROID

Android 11, svelata per errore la data di lancio: quando esce

Google ha svelato per errore la data di uscita di Android 11: ecco quando arriva e quali saranno gli smartphone supportati

Android 11 uscirà il prossimo 8 settembre. La data di lancio presunta è stata svelata per errore da Google. In un video pubblicato su YouTube nell’account Google Developer, al minuto 18.01 si legge chiaramente che la data di rilascio di Android 11 è fissata per l’8 settembre prossimo.

Al momento l’indiscrezione non è stata né confermata, né smentita da Google, che in passato aveva dichiarato che il rilascio della nuova versione di Android sarebbe arrivata nel terzo trimestre del 2020. La data quindi indicata nel video sarebbe più che compatibile con le intenzioni di Google, che ha già rilasciato la versione beta 1 di Android 11 un mese fa sugli smartphone Google Pixel prima, e poi anche su altri modelli come Redmi K30 Pro e POCO F2 Pro, OPPO Find X2 e OPPO Find X2 Pro, Xiaomi Mi 10/Pro e la serie OnePlus 8.

Android 11 sarà rilasciata l’8 settembre?

Il prossimo settembre finirà dunque il terzo trimestre di questo 2020, periodo in cui Google aveva annunciato il rilascio della versione Android 11. A svelare la data, forse per una distrazione, è un video da Google Developer su YouTube. Il video “Works With “Hey Google” Smart Home Summit – APAC” è riferito agli sviluppi nel lavoro dei developer, una diretta di quasi un’ora e mezza in cui si parla delle novità in cantiere e che al minuto 18.01 mostra chiaramente la scritta “Checklist for September 8th Android 11 launch”, letteralmente “Elenco per il lancio di Android 11 dell’8 settembre”.

Android 11, le novità per interfaccia e privacy

La nuova versione di Android promette di introdurre cambiamenti per l’interfaccia, che viene leggermente ridisegnata. Le app di messaggistica istantanea, ad esempio, saranno raggruppate in un’unica zona nell’area notifiche. Inoltre, chi utilizza la tastiera di Google riceverà suggerimenti elaborati dall’intelligenza artificiale. Sul fronte privacy, il cambiamento potrebbe essere la possibilità di concedere le autorizzazioni alle app solo una volta. Se poi l’app rimane inattiva per molto tempo, le autorizzazioni scadono e per riutilizzarla dovranno essere concesse di nuovo.

Tra i cambiamenti in vista per Android 11, c’è anche quello della funzionalità del tasto Power. Tenendolo premuto a lungo, compariranno le carte di credito registrate in Google Pay e altri controlli delle app che usano le nuove API. Si tratta di app che potranno essere utilizzate per il controllo dei dispositivi domotici in casa.

Android 11, quali telefoni la riceveranno

Anche se non esiste ancora una lista ufficiale dei dispositivi che riceveranno l’aggiornamento alla versione Android 11, sicuramente non può mancare per Google Pixel 4. Di seguito, i principali modelli che potrebbero avere accesso alla nuova versione.

  • Samsung: Galaxy S20, Galaxy S20+, Galaxy S20 Ultra, Galaxy Z Flip, Galaxy Note 10, Galaxy Note 10+, Galaxy Note 10 Lite, Galaxy S10, Galaxy S10, Galaxy S10e, Galaxy S10 Lite, Galaxy A71, Galaxy A70, Galaxy A80, Galaxy A90 5G, Galaxy A51, Galaxy A50, Galaxy A40, Galaxy A30e, Galaxy M30s.
  • Huawei: P40, P40 Pro, P40 Lite, P30, P30 Pro, P30 Lite, Mate 30 Pro, Nova 5T, Mate Xs,
  • Honor: View 30 Pro, 9X, 9X Pro, 20, 20 Pro, View 20.
  • Xiaomi: Mi 10, Mi 10 Pro, Mi 9, Mi 9 SE, Mi 9 Lite, Mi 9T, Mi 9T Pro, Mi Note 10, Mi A3, Mi Mix 3.
  • Redmi Note 8T e Note 8 Pro.
  • OnePlus: 8, 8 Pro, 7, 7T, 7 Pro, 7T Pro, 6, 6T.
  • Oppo: Reno2, Reno2 Z, A9 2020, A5 2020, Reno, Reno Z, Reno 10X Zoom, Find X2.
  • Realme: X50 Pro, X2 Pro, X2, XT, X, 3 Pro, 5 Pro, X50 Pro, 5.
  • Nokia: 9 PureView, 8.1, 4.2, 3.2, 2.2, 2.3, 6.2 e 7.2.
  • Sony Xperia: L4, 1 II, 1, 5, 10, 10 Plus, 10 II, L3.
  • Motorola: Moto G8 Power, Moto One Hyper, Motorola RAZR, Moto One Macro, Moto G8 Plus, Moto One Zoom, Moto One Action, Moto One Vision.
  • Asus: Rog Phone 2, Zenfone 6.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963