whatsapp Fonte foto: Djem / Shutterstock.com
HOW TO

Come registrare chiamate WhasApp con Android e iPhone

Per registrare le chiamate e le videochiamate su WhatsApp è necessario utilizzare delle app esterne. Ecco come fare e quali sono le norme da rispettare

La registrazione delle chiamate è una funzionalità sempre più presente sugli smartphone ed esistono tantissime applicazioni che permettono di farlo (Android sta anche pensando di integrarla nativamente sul sistema operativo mobile, nei Paesi in cui è consentito). In Italia registrare le chiamate è consentito dalla Legge, ma non è possibile condividerle esternamente. Il nostro consiglio è di avvisare sempre l’interlocutore del fatto che si sta registrando la chiamata.

In pochi lo sanno, ma anche le chiamate effettuate su WhatsApp possono essere registrate. Bisogna esser chiari: non esiste nessuna funzionalità nativa che permette di registrare le chiamate direttamente da WhatsApp, ma bisogna utilizzare app di terze parti o strumenti presenti di default sullo smartphone. Sono sempre di più i produttori che integrano nell’interfaccia dell’app Telefono un tasto per registrare facilmente le chiamate. Per chi preferisce strumenti un po’ più professionali, con la possibilità di riascoltare le chiamate e salvarle sul proprio spazio cloud, esistono app di terze parti che si possono installare sullo smartphone. Ecco come registrare chiamate WhatsApp sullo smartphone.

Come registrare le chiamate di WhatsApp su Android

Registrare una chiamata su WhatsApp può essere molto utile soprattutto se si tratta di una telefonata di lavoro. Con il limite di partecipanti aumentato fino a otto persone, WhatsApp si candida sempre più a essere un’ottima alternativa alle tante applicazioni per le videoconferenze.

Per gli utenti Android sono tante le soluzioni per registrare una chiamata WhatsApp. Come detto è necessario rivolgersi a un’app esterna, non essendo presente la funzione sull’app di messaggistica. Negli ultimi anni sono sempre di più i produttori che integrano un’app per registrare le chiamate: per vedere se è presente sullo smartphone, basta accedere al drawer delle app e controllare se è presente “Registratore chiamate”. Nel caso in cui non lo avete , vi suggeriamo di installare l’app “Recorder” realizzata direttamente da Google o “Call Recorder – Cube ACR” che si integra alla perfezione con WhatsApp.

Una volta installata l’applicazione, sarà possibile registrare una chiamata su WhatsApp con Android. Come fare? Molto semplice: per prima cosa avviate una registrazione tramite l’app e poi andate su WhatsApp, scegliete il contatto o il gruppo dove fare la chiamata e fatela partire. L’app in automatico registrerà tutta la chiamata. Ricordate che per correttezza è necessario avvisare i propri interlocutori del fatto che la chiamata verrà registrata.

Come registrare le chiamate WhatsApp su iPhone

Per chi ha un iPhone, la questione diventa molto più complicata. iOS, infatti, non permette ad app di terze parti di accedere contemporaneamente allo smartphone e al microfono, rendendo impossibile la registrazione delle chiamate su WhatsApp. Cosa fare, quindi? Esiste una soluzione alternativa, anche se un po’ più complicata: utilizzare un registratore esterno. Basta attivare la funzione “Vivavoce” nella chiamata WhatsApp e registrarla tramite un dispositivo esterno. La qualità non sarà ottima, ma non ci sono altre soluzioni alternative. Anche in questo caso ricordate sempre di avvisare l’interlocutore del fatto che la chiamata WhatsApp verrà registrata.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963