zepeto social network Fonte foto: zepeto/youtube
HOW TO

Cos'è Zepeto e quali sono i rischi per gli adolescenti

Zepeto è un'applicazione social molto diffusa tra i giovani: si crea un avatar 3D partendo da un selfie e si interagisce con gli altri utenti. I pericoli

31 Gennaio 2019 - Prima è stato il momento di Snapchat, poi di ThisCrush e ora di Zepeto. Si sa gli adolescenti cambiano idea facilmente: un giorno amano un’applicazione, il giorno dopo hanno già cambiato idea. Zepeto è l’ultima applicazione divenuta popolare tra gli adolescenti italiani: secondo i dati di App Annie, azienda specializzata nell’analizzare il mondo delle app mobile, nel mese di novembre 2018 è stata l’applicazione più scaricata in Italia e ancora oggi veleggia nelle prime posizioni.

Ma che cosa è Zepeto? Si tratta di un nuovo social network, ma che ha caratteristiche diverse rispetto ai vari Facebook, Instagram e Snapchat. Non si utilizza il proprio viso, ma un avatar tridimensionale creato partendo da un selfie. L’utente può personalizzare il proprio personaggio acquistando vestiti e mobili per arredare il proprio spazio virtuale. Inoltre, Zepeto permette anche di socializzare con gli altri utenti, scattare immagini nel mondo virtuale per poi condividerle nel “mondo reale” su Instagram e Zepeto. Su Instagram ci sono oltre un milione di foto con l’hashtag #zepeto. Insomma, il nuovo social network sembra aver stregato i più giovani ed essere diventato il nuovo porto digitale dove attraccare la propria “barca”.

Che cosa è Zepeto

L’applicazione social è stata creata dalla software house sudcoreana Snow. Zepeto è a tutti gli effetti un social network: gli utenti possono entrare in contatto con persone che vivono dall’altra parte del Mondo e socializzare con i propri amici. La differenza rispetto a Facebook e Instagram è la modalità di funzionamento: per iscriversi bisogna scattare un selfie e Zepeto creerà un avatar 3D partendo dal proprio viso. Il personaggio virtuale potrà essere personalizzato in ogni suo aspetto, partendo dai vestiti e dai mobili presenti nella propria stanza digitale (tutto acquistabile dallo store online).

Come funziona Zepeto

Una volta creato e personalizzato il proprio avatar 3D, l’utente potrà iniziare a stringere amicizia e a chattare con le altre persone. Come accadeva in progetti simili come Second Life, sarà possibile svolgere anche delle attività virtuali con gli altri utenti e poi condividerle sui propri profili social “reali” (Facebook).

I pericoli per gli adolescenti

L’applicazione è molto diffusa tra gli adolescenti che hanno iniziato fin da subito a popolare il social network. Senza, però, tenere conto dei pericoli a cui andavano incontro: l’applicazione, infatti, vende a società terze tutti i dati ottenuti dagli utenti. Zepeto è un’applicazione gratuita e si sostiene solamente attraverso gli acquisti in-app per personalizzare il profilo personale e attraverso la vendita dei dati degli utenti. I termini di servizio sono scritti solamente in coreano, rendendo complicata la vita degli utenti. Da quello che si è riuscito a decifrare, Zepeto fornisce a società di marketing come Unity Ads e AppsFlyer i dati raccolti su indirizzo IP, numero di telefono e casella di posta elettronica. Ma non solo: dovendo creare l’avatar digitale attraverso un selfie, forniamo a Zepeto anche informazioni sensibili sul nostro aspetto fisico. Tutti dati che possono essere sfruttati dalle aziende che realizzano pubblicità online.