Google Maps a realtà aumentata Fonte foto: web
APP

Google Maps: la realtà aumentata migliora la navigazione

Google sta testando la funzione AR nel suo sistema di navigazione. Ecco quali sono le novità e come useremo Google Maps in futuro

20 Febbraio 2019 - Su Google Maps arriva la realtà aumentata. Il nuovo sistema di navigazione sfrutterà tutte le opportunità offerte dall’intelligenza artificiale per offrire un’esperienza totalmente immersiva con l’ambiente circostante. Inoltre, aiuterà gli utenti a raggiungere i luoghi desiderati in modo facile e sicuro.

Il colosso di Mountain View ne ha parlato per la prima volta a maggio 2018 durante Google I/O, la conferenza che si tiene annualmente a San Francisco, dedicata a sviluppatori e tecnici. A pochi mesi dall’annuncio, finalmente la nuova funzione entra nel vivo: in questi giorni Google ha iniziato a testarla sui alcuni dispositivi, scegliendo un piccolo campione di Guide Locali accreditate, tra cui David Pierce del Wall Street Journal. Il sistema promette di migliorare l’esperienza di navigazione, senza trascurare il livello di sicurezza degli utenti. Ecco quali sono le caratteristiche principali.

Come funziona?

Il sistema integra con successo tre importanti fattori: il GPS, i dati raccolti su Google Street View e la Realtà Aumentata (AR).  David Pierce ha spiegato sul WSJ in cosa consiste la nuova funzione di Google Maps, attualmente in fase di testing.

Naturalmente per iniziare l’esperienza è necessario che il GPS sia attivo. A questo punto, è sufficiente avviare Google Maps e premere il pulsante “Start AR”. Il sistema chiede all’utente di attivare la fotocamera e muoverla a destra e sinistra in modo da inquadrare l’ambiente circostante e orientarsi adeguatamente. Il sistema riconosce l’area grazie ai dati accumulati su Street View. Dopo aver scansionato lo spazio, l’app riporta sullo schermo tutte le indicazioni necessarie per spostarsi nel mondo reale: fornisce informazioni su vie e piazze, ma anche su locali e negozi presenti nelle vicinanze. Una freccia conduce l’utente alla meta.

Le polemiche sulla sicurezza

La nuova esperienza di navigazione ha acceso l’entusiasmo degli utenti, ma ha anche sollevato alcuni dubbi, legati soprattutto alla sicurezza. Infatti, molti temevano che per usare la funzione fosse necessario non distogliere l’attenzione dallo schermo. Google ha rassicurato gli utenti: la navigazione in modalità AR si attiva solo per i percorsi a piedi, ed in alcuni tratti è possibile abbassare lo smartphone senza conseguenze. In particolare, è possibile usare la modalità AR di Google Maps in prossimità di curve, incroci e altri cambi di direzione. Se il percorso è lineare, il dispositivo può essere posato. In questo caso, Google Maps scollega la modalità AR e passa alla normale visualizzazione della mappa, che consente anche di risparmiare batteria.

Questa tecnologia rappresenta una vera rivoluzione, ma occorre attendere ancora del tempo prima che Google la distribuisca in tutti i dispositivi del mondo.