iot-manager Fonte foto: Shutterstock
PMI E INDUSTRIA 4.0

IoT, le criticità individuate dai manager d'azienda

Uno studio di Verizon mette in evidenza la crescita del mercato dei dispositivi IoT, ma soprattutto quali sono le problematiche connesse all'Internet of Things

19 Settembre 2017 - Gli oggetti sempre connessi dell’Internet of Things rappresentano uno dei principali protagonisti dell’Industria 4.0. Il mercato dei dispositivi IoT, come conferma anche un recente report di Verizon, è in crescita costante ed oggi conta oltre 8 miliardi e 400 mila device, il 31% in più rispetto al 2016.

Secondo l’indagine di Verizon, che porta il titolo di “Lo stato dell’arte: il mercato dell’Internet of Things 2017”, il 73 % dei manager adopera gli oggetti dell’Internet of Things in azienda o sta conducendo delle ricerche sulle potenzialità dei dispositivi IoT. La trasformazione digitale non può, infatti, che passare dall’Internet of Things, che toccherà trasversalmente tutte le aree dall’impresa e qualsiasi settore produttivo. Sempre secondo la ricerca di Verizon, il tetto degli investimenti nel mercato degli IoT è più alto nella produzione, nei trasporti e nell’utility, mentre aumenta rapidamente la spesa in ambito assicurativo e mercato consumer.

Le quattro criticità

Detto ciò, dal rapporto di Verizon emergono comunque delle criticità riguardo all’adozione degli oggetti sempre connessi dell’Internet of Things. In particolare, sono 4 quelle individuate dai manager d’azienda: standard, interoperabilità, sicurezza e costi. Partiamo proprio da quest’ultimi. Il prezzo degli oggetti IoT, infatti, continua a essere inaccessibile per molte imprese, soprattutto per quelle di piccole dimensioni. Ciò significa, che la diffusione di questi dispositivi potrebbe avvenire non in maniera omogenea tra le varie aziende e subire dei ritardi.

Standard e interoperabilità sono due elementi strettamente connessi. La maggior parte dei produttori, che opera nel campo dell’Internet of Things, utilizza dei protocolli di comunicazione proprietari e dei sistemi di sincronizzazione sempre proprietari. Come risultato, diventa difficile, e in alcuni casi quasi impossibile, far “interagire” i diversi oggetti IoT.

L’ultimo punto ruota attorno alla sicurezza. I sistemi di protezione degli oggetti sempre connessi sono ancora molto fragili e presentano numerose falle sfruttabili dagli hacker. La cybersecurity dei device IoT è un problema serio, che può mettere a rischio anche l’incolumità del personale. Un problema che purtroppo non è facilmente risolvibile nemmeno dai produttori.

Contenuti sponsorizzati