5a6cba539d76585bf5f337b0809603b0.jpg Fonte foto: ANSA
HOW TO

Problemi Iliad: perché non si riesce a navigare su alcuni siti

La nuova compagnia di telefonia mobile fa i conti con i primi grattacapi. A causa dell'infrastruttura tecnologica, alcuni smartphone navigano con IP francese

31 Maggio 2018 - Dopo il clamore dell’annuncio ufficiale delle offerte Iliad e dell’attivazione delle prime SIM, la compagnia francese di telefonia mobile inizia a fare i conti con le prime problematiche e malfunzionamenti. Alcuni, i primissimi, utenti italiani di Iliad infatti hanno segnalato dei disservizi sulla navigazione online su determinati siti web.

Perché Iliad sta avendo questi problemi di navigazione online su alcuni portali in Italia? Semplice, perché come segnalano alcuni nuovi utenti della compagnia telefonica in alcune zone l’indirizzo IP assegnato agli utenti risulta essere francese e non italiano.  E questo crea dunque dei disservizi e dei blocchi geografici durante la navigazione su determinati portali. Per chi non lo sapesse un indirizzo IP è è un codice univoco che identifica ogni singolo device connesso a una rete informatica, sia locale (LAN) sia geografica (Internet ne è un esempio). Che si tratti di un computer, di uno smartphone o di un hard disk di rete poco importa: qualunque dispositivo sia raggiungibile attraverso la Rete, sarà identificabile grazie all’indirizzo IP. 

Iliad e il traffico Internet dalla Francia

Dopo la segnalazione dei primi utenti Iliad, si è scoperto che la causa del malfunzionamento è da ricercarsi nell’infrastruttura di rete della nuova compagnia telefonica. In alcune zone d’Italia l’indirizzo IP risulta essere francese, dal momento che il traffico Internet viene instradato da e verso il Paese transalpino.

Oltre a provocare dei rallentamenti nella navigazione, l’IP francese crea dei problemi con il geoblocking: alcuni siti e alcuni contenuti multimediali non sono accessibili o sono accessibili solo in lingua francese. Il geoblocking, infatti, fa sì che contenuti video pensati per un Paese non siano accessibili da un altro (come accade con RaiPlay per problemi legati con le licenze) oppure siano visibili in un’altra lingua (quello che accade, ad esempio, con Netflix). Il geoblocking, però, può provocare grattacapi anche nell’accesso all’home banking e con i portali di ecommerce.

Contenuti sponsorizzati