Libero
TV PLAY

Supersex: cast e anticipazioni sulla nuova serie

La serie Netflix racconterà la vita e la carriera del pornodivo Rocco Siffredi. Ecco tutto quello che sappiamo sul progetto per ora

Serie Supersex Fonte foto: Netflix

Si è tornati a parlare della serie Supersex dopo che Netflix ha rilasciato qualche altro dettaglio inedito sul progetto, in uscita prossimamente sulla piattaforma di streaming. Le riprese sono iniziate a febbraio e la storia è liberamente ispirata alla vita e alla carriera di Rocco Siffredi, celebre pornodivo italiano di fama internazionale che nella serie è interpretato da Alessandro Borghi. Netflix, rilasciando due immagini inedite scattate sul set, ha fornito qualche informazione ulteriore sul cast.

Il cast di Supersex

«Il mondo del cinema porno raccontato in Supersex è fatto da molti protagonisti», ha fatto sapere Netflix sui suoi canali social in questi giorni. «Oltre ad Alessandro Borghi, nel ruolo di Rocco Siffredi, troveremo anche Gaia Messerklinger nei panni di Moana Pozzi, Vincenzo Nemolato in quelli di Schicchi e Claire Loth nella parte di Genevieve».

Gaia Messerklinger ha già recitato in Cops 2 – Una banda di poliziotti e questa volta vestirà i panni di Moana Pozzi, attrice pornografica (con una breve parentesi in politica) morta prematuramente nel 1994. Vincenzo Nemolato, già visto in Tutto chiede salvezza, è invece Riccardo Nicolò Schicchi: morto nel 2012, è stato un regista e fotografo attivo nel mondo della pornografia e dello spettacolo. È stato lui a dirigere il film Fantastica Moana che ha segnato il debutto di Pozzi nel mondo del porno.

Oltre a questi nomi appena annunciati, nel cast di Supersex ci sono anche Jasmine Trinca (che interpreta Lucia), Adriano Giannini (Tommaso) e Saul Nanni (Rocco Siffredi da ragazzo). Francesca Manieri è la creatrice e la capo sceneggiatrice della serie. La regia è di Matteo Rovere, Francesco Carrozzini e Francesca Mazzoleni.

La trama di Supersex

Dalle origini alla storia familiare, dall’esordio nel mondo della pornografia al rapporto con l’amore: la trama di Supersex vuole essere un racconto profondo della vita di Rocco Siffredi, liberamente ispirato ai fatti realmente accaduti e alle testimonianze di Siffredi stesso.

Inevitabilmente, non mancheranno le scene di sesso. Che però, come ha dichiarato Alessandro Borghi in un’intervista, non sono l’obiettivo della serie. «Su 95 giorni di lavoro, 50 sono scene di sesso. Il racconto del porno è uno snodo narrativo, segna un cambiamento emotivo del personaggio. Questa è forse la grande intuizione della serie», ha spiegato l’attore nell’intervista.

Quando esce Supersex

La serie è prodotta da Lorenzo Mieli per The Apartment, una società del gruppo Fremantle, e da Matteo Rovere per Groenlandia, società del gruppo Banijay. Al momento la data di uscita su Netflix non è ancora stata annunciata.