windows 10 Fonte foto: Nor Gal / Shutterstock.com
TECH NEWS

Windows 10, aggiornamenti bloccati con USB collegata al PC

Scopri per quale motivo l'aggiornamento di Windows 10 verrà bloccato se una pennetta USB è connessa al PC. Il motivo è abbastanza curioso

26 Aprile 2019 - Se il famigerato October Update di Windows 10 dell’autunno 2018 resterà alla storia per l’enorme quantità di problemi che ha causato agli utenti, tra i quali persino la perdita di dati personali, il prossimo May Update (ex April Update: Microsoft ha bisogno di più tempo e lo rilascerà a fine maggio) sembra non nascere nemmeno lui sotto una buona stella. Oltre al fatto che ci “ruberà” un bel po’ di GB di spazio sull’hard disk, il prossimo aggiornamento di Microsoft Windows 10 avrà una caratteristica ai limiti del comprensibile: non si potrà aggiornare il PC se ad esso sono collegati dischi esterni o chiavette USB né schede di memoria SD.

Se già tutto questo può sembrare assurdo, ancor più strana sembra la motivazione: su un PC con memorie esterne collegate in USB o inserite nello slot SD potrebbe esserci un riassegnamento delle lettere delle unità esterne. In pratica: se prima dell’aggiornamento al May Update il nostro disco esterno USB è identificato, ad esempio, con la lettera “G:\” mentre dopo l’aggiornamento lo stesso disco potrebbe diventare “H:\“. Ancor più grave, come spiega Microsoft stessa in un documento del suo supporto online: “Il riassegnamento delle lettere dei drive non è limitato ai dischi rimovibili. Anche i dischi interni potrebbero esserne affetti“.

Perché non è possibile aggiornare Windows 10 con una pennetta USB

Di conseguenza Microsoft ha bloccato l’aggiornamento per i PC con queste configurazioni e ha preparato un messaggio d’errore che, anche lui, tutto è tranne che comprensibile: “Questo PC non può essere aggiornato a Windows 10. Il tuo PC ha un hardware che non è pronto per questa versione di Windows 10. Nessuna azione è necessaria. Windows Update offrirà questa versione di Windows automaticamente non appena il problema sarà risolto“. Tradotto: Windows Update aggiornerà il sistema da solo, ma solo quando staccherai il disco esterno. E se lo lasci connesso? Allora gli aggiornamenti resteranno bloccati e tu, se non avrai letto questo articolo, non saprai nemmeno perché.

Nello stesso documento del supporto online Microsoft propone anche un “workaround“, cioè un trucchetto per risolvere questo problema: stacca l’hard disk esterno USB (o rimuovi la schedina di memoria SD) e lancia nuovamente l’update. La domanda, a questo punto, nasce spontanea: perché questo suggerimento non viene dato all’utente direttamente nel messaggio d’errore?