Libero
xiaomi mi 11 Fonte foto: Xiaomi
ANDROID

Xiaomi Mi 11 Lite svelato: com'è fatto il nuovo piccolo top di gamma

Il piccolo grande Xiaomi è stato già avvistato: ecco le sue caratteristiche tecniche già note e quelle al momento solo ipotizzate.

Arrivano le prime informazioni su Xiaomi Mi 11 Lite. Dopo settimane di attesa, sono comparse in rete le prime caratteristiche tecniche del piccolo top di gamma dell’azienda cinese che farà parte della ricca serie Xiaomi Mi 11, andando ad affiancare gli altri tre modelli più avanzati con una proposta più leggera ma non di inferiore qualità.

A far emergere le prime specifiche sul modello Lite è stato il leaker Mukul Sharma, il quale avrebbe carpito i dati sulla scheda apparsa all’interno di Google Play Console. Con il lancio sul mercato di Xiaomi Mi 11 e i corposi leak comparsi sul web per i modelli Pro e Ultra, Lite sembrava essere rimasto in disparte e ben lontano dalle luci della ribalta dei suoi fratelli maggiori. Finalmente, invece, anche questa versione ha potuto mostrare alcuni dei suoi punti di forza, lasciando intravedere aspetti particolarmente interessanti che a breve – o così si auspica – aiuteranno a dare forma anche al nuovo smartphone flagship più economico.

Xiaomi Mi 11 Lite, tutte le caratteristiche

Dal leak diffuso in rete, Xiaomi Mi 11 Lite arriverà in due versioni: 4G e 5G. È però quello dalla connettività più avanzata ad aver svelato le sue dotazioni. Al centro del modello 5G spunta un SoC Qualcomm SM7250 (765G), con una CPU octacore composta da Kryo 475 (2400 Mhz), Kryo 475 (2200 Mhz) e 6 core Kryo 475 (1804 Mhz) e con GPU Qualcomm Adreno 620 a 625 MHz.

Altre informazioni riguardano lo schermo di "renoir", questo il nome in codice del modello. Sul lato frontale di Mi 11 Lite vi sarà con buona probabilità un display con risoluzione Full HD+ a 1080×2400 pixel e 440 DPI.

Tre saranno invece le varianti memoria di Mi 11 Lite 5G, come rivelato dalla certificazione FCC: 6  GB/128 GB, 8 GB/128 GB e 8 GB/256 GB. Dalla stessa, si evince anche che la stessa versione supporterà il protocollo Wi-Fi 5GHz oltre a essere dotato di connettività Bluetooth 5.2, lettore NFC e GPS. Il sistema operativo, invece, sarà Android 11.

Tutte le altre informazioni attualmente disponibili, invece, provengono da altri leak: si parte con la batteria da 4150 mAh con ricarica veloce a 33 Watt, lettore di impronte digitali sulla scocca laterale e un modulo triplo per la fotocamera posteriore con sensore principale da 64 MP. A questo si aggiunge un dettaglio sullo schermo: un AMOLED con frequenza di aggiornamento a 120Hz. Per la versione 4G, invece, il processore potrebbe essere lo Snapdragon 732G.

Xiaomi Mi 11, Pro e Ultra, caratteristiche tecniche

Per quanto riguarda il resto della serie, i dettagli – tra confermati e anticipazioni – sono tantissimi. La scelta del processore del modello base della serie Mi 11, Qualcomm Snapdragon 888, ricadrà probabilmente anche sui modelli Pro e Ultra. La combinazione RAM/Memoria, prevede per Xiaomi Mi 11 Pro tagli combinati fino a 12GB di RAM e 256GB di disco UFS 3; ancora più potente e capiente Xiaomi Mi 11 Ultra, con 16GB di RAM e 512GB di memoria nella versione più avanzata.

Se Xiaomi Mi 11 si ferma a un accumulatore da 4.600 mAh, con ricarica veloce cablata da 55 Watt e wireless da 50 Watt oltre alla inversa wireless da 10 Watt, per gli altri due la potenza sale fino a 5000mAh, entrambi con ricarica veloce via cavo e senza fili da 67 Watt, accompagnata da reverse charging a 10 Watt. Anche la MIUI ha delle sorprese nel cilindro: dalla MIUI 12 confermata sul modello base, si passa alla MIUI 12.5 sugli altri due.

Lo schermo, invece, sarà uguale per tutti e tre. Tutti infatti monteranno un display con bordi curvi da 6.81 pollici QHD+ AMOLED con frequenza di aggiornamento a 120Hz, come visto sugli esemplari base già disponibili sul mercato.

Tante differenze compaiono anche nella fotocamera posteriore: se la versione base conta su un modulo triplo con sensore primario da 108 MP, 13 MP ultra-grandangolare e macro da 5 MP, il modello Pro arriverà addirittura a una quad-cam, con sensore primario da 50 MP, seguito da ultra-grandangolare da 13 MP, macro da 5 MP e teleobiettivo da 120x. Ultra, invece, avrà a soli tre sensori: 50 MP per il primario, che molto probabilmente sarà il nuovo  Samsung ISOCELL GN2, 48 MP ultra-grandangolare e teleobiettivo da 48 MP. Uguale su tutti e tre la camera frontale da 20 MP.

© Italiaonline S.p.A. 2021Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963