zte-axon-m Fonte foto: ZTE
ANDROID

ZTE Axon M, lo smartphone pieghevole con due schermi

ZTE presenta uno smartphone che può essere veramente rivoluzionario: ha due schermi, si piega e può assumere posizioni diverse. In Italia dal 2018

17 Ottobre 2017 - Negli ultimi mesi si è tanto parlato di smartphone con schermi pieghevoli e del lavoro di aziende come Samsung e LG su questo tipo di display. Con un colpo a sorpresa, però, la prima azienda a presentare uno smartphone pieghevole è stata ZTE.

Con un evento organizzato a New York, l’azienda cinese ha tolto i veli allo ZTE Axon M (Multy), uno smartphone che si piega, ma che non ha lo schermo flessibile. Come può è possibile tutto ciò? Molte semplicemente lo smartphone è composto da due schermi che sono collegati tra di loro da una cerniera che permette di muoverli a proprio piacimento. Per il mondo della telefonia si tratta di una vera e propria rivoluzione: è la prima volta che un’azienda presenta uno smartphone a “portafoglio”. I dubbi sulla soluzione adottata da ZTE sono tantissimi, ma è sicuramente un dispositivo innovativo in un settore oramai ingessato.

In molti avevano riposto la speranza sui nuovi schermi 18:9 e sul design bezel-less, ma in breve tempo tutte le aziende si sono omologate sullo stesso stile, vanificando l’effetto sorpresa iniziale. Lo smartphone a portafoglio, invece, lascia aperte tante possibilità diverse. ZTE deve lavorare sicuramente sull’ottimizzazione del software e sulle applicazioni, ma intanto l’Axon M è il primo smartphone pieghevole della storia.

Le caratteristiche tecniche dell’Axon M

Come utilizzare lo ZTE AXON MFonte foto: ZTE
Come utilizzare lo ZTE AXON M

Rispetto ai top di gamma presentati nelle ultime settimane, le caratteristiche dell’Axon M sono quelle di uno smartphone della generazione precedente. A bordo troviamo un chipset Qualcomm Snapdragon 821 supportato da una GPU Adreno 530, 4GB di RAM e 64GB di memoria interna, espandibile con una scheda microSD. Come è possibile immaginare, le dimensioni dello ZTE Axon M non sono contenute: 150.8 x 71.6 x 12.1 millimetri. Per offrire un paragone, tutti gli smartphone usciti nell’ultimo periodo hanno uno spessore che non supera gli 8mm, mentre l’Axon M ce l’ha di 12,1mm. Il comparto fotografico è composto a un unico sensore da 20 Megapixel posizionato nella parte frontale del device. Questa soluzione è stata resa possibile grazie alla natura pieghevole dello smartphone: selfie e immagini panoramiche possono essere scattate con la stessa fotocamera, basta girare il telefonino. L’apertura focale è da 1.8. La batteria è da 3180mAh e nella parte superiore è presente anche il jack per le cuffie.

Per ultimo abbiamo lasciato lo schermo. E il motivo è abbastanza logico. L’Axon M monta due schermi IPS da 5,2 pollici con risoluzione 1920×1080 pixel. Come detto, i pannelli sono collegati tra di loro da una cerniera che permette all’utente di muovere i display a seconda della propria necessità. Li si potrà utilizzare in verticale, in orizzontale o piegati l’uno sull’altro. Una soluzione, quella dello smartphone pieghevole, molto interessante, ma che avrà bisogno di tempo per essere digerita dagli utenti. E anni di sviluppo per affinare il design.

Prezzo e data di uscita Axon M

L’Axon M uscirà negli Stati Uniti entro le festività natalizie, mentre per l’Europa (e quindi anche l’Italia) bisognerà aspettare il primo trimestre del 2018. Per quanto riguarda il prezzo dello smartphone pieghevole è ancora tutto avvolto nel mistero.

Contenuti sponsorizzati