fattura-elettronica Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Fattura elettronica: quando usare codice destinatario SDI e PEC

Con l’arrivo della fatturazione elettronica tutti dovremmo dotarci di uno strumento per ricevere i documenti fiscali. Ecco le opzioni a disposizione

15 Gennaio 2019 - L’introduzione della fatturazione elettronica a partire dal 1 gennaio 2019 cambia in maniera sostanziale le nostre abitudini. Fatture cartacee, bolli e timbri sono destinati a scomparire e quando arriva il momento di chiedere fattura a un qualunque professionista (idraulico, elettricista, dentista o anche il commercialista) dobbiamo essere muniti di uno strumento idoneo alla ricezione.

La fattura elettronica, infatti, non viene inviata direttamente da chi la emette al “legittimo” destinatario, ma passa attraverso i server del Sistema di Interscambio, un’infrastruttura creata dall’Agenzia delle Entrate per controllare la correttezza delle fatture e girarle alla persona o all’azienda che doveva riceverla. Questo passaggio, come accennato, è possibile solo nel caso in cui si è dotati di uno degli strumenti previsti dalla stessa Agenzia delle Entrate.

Come ricevere le fatture elettroniche

Uno dei dubbi maggiori che attanaglia tanto i 5 milioni di possessori di Partita IVA quanto i “comuni” cittadini è come fare per inviare e ricevere una fattura elettronica. Per emettere fattura elettronica, a dir la verità, non serve poi molto: se si è parte di una delle categorie interessate al provvedimento (al momento, sono esentati dall’obbligo di fatturazione elettronica solamente i possessori di P.IVA al regime dei minimi o forfettario) si può scegliere di agire autonomamente, rispettando però i parametri tecnici decisi dall’Agenzia delle Entrate; oppure affidarsi a una delle tante piattaforme compatibili con il Sistema di Interscambio che consentono di facilitare l’emissione di fattura elettronica. Per inviarla, però, sarà necessario indicare come recapitare la fattura al destinatario: attraverso il codice destinatario SDI o l’indirizzo di posta certificata.

Che cos’è e come ottenere codice destinatario SDI

Il codice destinatario SDI è una stringa di sette cifre legata in maniera univoca alla partita IVA (e, per questo motivo, chiamato anche codice univoco). Viene generata direttamente dall’Agenzia delle Entrate e può essere richiesta sia personalmente, sia avvalendosi del supporto di un professionista. Come si evince facilmente, il codice univoco può essere rilasciato solo a professionisti e aziende che hanno una partita IVA e non a tutti coloro che hanno bisogno di ricevere dei documenti fiscali da utilizzare, ad esempio, in fase di dichiarazione dei redditi.

Cosa fare se non si ha il codice destinatario SDI

In casi come questi, però, il codice univoco può essere sostituito dall’indirizzo di Posta Elettronica Certificata. Lo SDI, infatti, prevede anche un campo per la PecDestinatario: per spedire la fattura elettronica all’utente, dunque, basterà conoscere il suo indirizzo PEC e inserirlo all’interno del form da inviare al Sistema di Interscambio.

Proprio per questo, aprire un indirizzo di posta elettronica ora potrebbe essere più conveniente che mai. Al di là dei bassi costi di gestione (Libero Family Pec costa appena 9,90 euro l’anno e consente di inviare e ricevere un gran numero di messaggi di posta certificata), la PEC ti permetterà di ricevere le fatture del dentista e del meccanico, di inviare lettere di disdetta a servizi e abbonamenti (come la pay TV o l’abbonamento telefonico), di comunicare con la Pubblica Amministrazione e molto altro ancora.

Risparmia tempo e denaro! Attiva la Pec con Libero, la posta elettronica numero 1 in Italia.

  • Valore legale per le tue mail
  • 1GB di spazio
  • Spedisci raccomandate dal pc di casa

ATTIVA LIBERO FAMILY PEC

Contenuti sponsorizzati

TAG: