iliad Fonte foto: Cristian Storto / Shutterstock.com
TECH NEWS

Iliad, migliora la copertura della rete con le nuove antenne: cosa cambia

Iliad sta lavorando per realizzare nel più breve tempo possibile una nuova rete indipendente da Wind-Tre. Ecco che cosa cambia per gli utenti

Sono più di due anni che Iliad è presente sul mercato italiano con le proprie offerte per la rete mobile e a breve (si ipotizza per l’inizio del 2021) lancerà anche le prime tariffe per la telefonia fissa, grazie all’accordo firmato con Open Fiber. Il mercato mobile resta però l’obiettivo primario del quarto operatore italiano, che in questi due anni ha avuto un’ottima crescita, tanto da accelerare con il piano per la costruzione di una rete proprietaria.

Chi è abbonato a Iliad fin dalla prima ora, sa benissimo che l’operatore si appoggia sulle infrastrutture di Wind-Tre, ma che sta anche installando delle antenne proprietarie per diventare indipendente. Il progetto è iniziato nell’ultimo anno e nonostante tanti intoppi burocratici sta andando avanti abbastanza celermente. L’obiettivo di Iliad è di installare entro la fine del 2020 circa 5000 antenne su tutto il territorio nazionale per coprire circa il 20% del traffico dei propri clienti. La copertura completa dovrebbe avvenire solo nei prossimi anni, ma nel 2021 ci sarà un impulso che permetterà ai clienti delle grandi città di navigare utilizzando la rete Iliad proprietaria.

Che cosa cambierà con la rete Iliad proprietaria

Per debuttare sul mercato italiano, Iliad ha chiuso un accordo per utilizzare le infrastrutture di Wind-Tre. Iliad, però, non è un operatore virtuale come i vari Poste Mobile, Kena Mobile, ho.Mobile e Very Mobile, ma è un operatore a tutti gli effetti. Questo grazie al particolare accordo firmato con Wind-Tre e alla tecnologia utilizzata per sfruttare la rete dell’operatore. Il termine tecnico è ran sharing e si tratta di una sorta di roaming evoluto che mostra sullo schermo degli utenti che la copertura di rete è di Iliad e non di chi offre l’infrastruttura. Ma non solo. Il ran sharing permette a Iliad anche di offrire un servizio migliore.

La qualità si paga e per questo motivo Iliad ha iniziato a lavorare anche a una rete proprietaria installando nelle varie zone d’Italia delle antenne. La creazione di una rete proprietaria, oltre a garantire una maggiore qualità della rete e una maggiore velocità, permetterà a Iliad di essere indipendente e di dirottare tutti gli investimenti nel miglioramento dell’infrastruttura.

Creare una rete indipendente, però, non è semplice e soprattutto c’è bisogno di tempo e di soldi. Il progetto di Iliad sta procedendo molto velocemente, nonostante il lockdown che logicamente ha rallentato i lavori. L’obiettivo è di installare 5000 siti entro la fine del 2020 e di coprire con la propria rete almeno il 15-20% del traffico. Nel 2021 è già in programma un incremento delle antenne per coprire perlomeno tutte le principali città italiane.

Come capire se si sta navigando sulla rete Iliad proprietaria

Per gli utenti non è semplice capire se si è connessi a un’antenna di WindTre oppure di Iliad. Ma nella sostanza cambia ben poco. Entrambe le infrastrutture garantiscono una velocità molto elevata e una buona copertura del segnale. Essendo poco più di 3000 le antenne installate finora da Iliad e per la maggior parte nel centro-nord e a Roma, è molto probabile che siate connessi alle infrastrutture di WindTre, ma in futuro ci sarà sempre una maggiore copertura da parte della rete indipendente di Iliad.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963