smartphone-5g Fonte foto: Shutterstock
SMART EVOLUTION

Come cambierà l'uso dello smartphone con il 5G

Il 5G è oramai una realtà anche in Italia, ma per la copertura completa di tutto il territorio nazionale bisognerà aspettare il 2021

4 Luglio 2019 - Le prime offerte per la connessione alla rete dati 5G sono già arrivate a inizio estate anche in Italia. Sia Tim che Vodafone hanno lanciato i primi abbonamenti in 5G, al momento disponibili solo nelle grandi città: Roma, Torino, Bologn, Milano, Napoli. Già dall’anno prossimo il numero di città coperte dal 5G aumenterà e, entro il 2023-25, gran parte del territorio nazionale sarà coperto.

Entro il 2021 un centinaio di centri urbani italiani saranno coperti dalla nuova rete e l’era del 5G potrà realmente iniziare. Con tutti i cambiamenti che porterà con sé, a partire da come usiamo il nostro smartphone. I dispositivi compatibili con il 5G, infatti, stanno già arrivando sul mercato e permettono velocità in download e upload notevolmente più elevate rispetto al 4G, che già era stato una rivoluzione rispetto al 3G. Con la diffusione della rete 5G, però, il salto sarà più significativo e la connessione tramite smartphone diventerà il pilastro della nostra esperienza online, probabilmente anche a casa, dove oggi usiamo il Wi-Fi.

Vedremo sempre più video online

Grazie alla rete 5G potremo vedere video in alta qualità (ad esempio in 4K) anche in mobilità. Questo spingerà i produttori di smartphone a creare display ancora più definiti e dai colori  più vividi. Ne approfitteranno, per fare ottimi affari, i servizi di streaming. Ma non solo: le video chiamate e le condivisioni di filmati privati ad alta risoluzione saranno molto più semplici.

Meno memoria, più cloud

Non è affatto da escludere che, grazie alla velocità della connessione 5G, molti produttori di smartphone decidano di integrare meno memoria nei propri dispositivi e di offrire in cambio uno spazio di archiviazione cloud. Google già lo fa con i suoi Pixel: chi li compra ha spazio illimitato per le foto a risoluzione originale. Con meno memoria fisica da alimentare gli smartphone del futuro potrebbero avere più autonomia e noi potremmo doverli ricaricare di meno.

Gli eventi live saranno online

Una delle cose positive delle antenne 5G è il fatto che possono trasmettere a molti più dispositivi contemporaneamente nello stesso tempo. Ad esempio durante un concerto, una partita allo stadio o altri eventi live dove c’è moltissima gente contentata in poco spazio. In casi come questi, grazie al 5G, potremo usare il nostro smartphone per comunicare senza più problemi e, magari, trasmettere in streaming ai nostri amici un momento importante dell’evento che stiamo seguendo.

Le offerte dati avranno sempre più giga

Dal lato dell’offerta della connessione, invece, è probabile che gli abbonamenti 5G siano più cari ma più ricchi. Già oggi costano notevolmente di più di quelli 4G (e Tim fa pagare di più anche il 4,5G), ma hanno anche 40 giga di dati inclusi. Progressivamente andremo verso offerte con dati illimitati, ma con prezzi simili alle connessioni attuali in fibra ottica. Ecco perché, alla fine, è probabile che il 5G sostituisca la connessione fissa in molte case italiane.

Contenuti sponsorizzati