Come ottimizzare Windows 10 gratis Fonte foto: Shutterstock
HOW TO

Come ottimizzare Windows 10 gratis

Il tuo computer inizia a fare le bizze e rallenta vistosamente? Ecco alcuni trucchi per ottimizzare le risorse e farlo tornare allo splendore di un tempo

27 Marzo 2019 - Una delle cose più belle di un PC nuovo è che è veloce e reattivo, non solo perché monta hardware moderno ma anche perché ha un sistema operativo pulito e molto spazio libero sul disco. Ecco perché, anche quando reinstalli Windows, al primo riavvio la tua macchina è visibilmente più veloce.

Con il tempo e con l’uso quotidiano il tuo computer si riempie di file inutili, il tuo disco si frammenta, il tuo sistema operativo si riempie di applicazioni che vengono eseguite in background e via dicendo. Per velocizzare e ottimizzare Windows puoi trovare letteralmente centinaia di applicazioni nate proprio con questo scopo: cancellare i file inutili, deframmentare il disco, disattivare le applicazioni che ti rubano memoria RAM. Ma se il tuo sistema operativo è Windows 10 non è detto che questi software di terze parti ti servano veramente: l’ultimo sistema operativo di Microsoft, infatti, integra già molte utility che bastano e avanzano per fare il grosso del lavoro di pulizia e ottimizzazione.

L’unico vero problema di questi strumenti è che su Win 10 non c’è una funzionalità unica e automatizzata per svolgere tutti i compiti di ottimizzazione con un solo click. Devi sapere dove mettere mano e cosa fare per ottenere il risultato voluto. Noi ti diciamo come fare.

Cancella i file temporanei inutili e svuota il cestino

La prima cosa da fare per ottimizzare Windows 10 a costo zero è quella di cancellare i file inutili, per liberare spazio sul disco e procedere in seguito alla deframmentazione. Molto probabilmente l’applicazione che sta creando più file temporanei è il tuo browser, quindi entra nelle impostazioni di questo software e cancella la cache, i file temporanei e tutti i download che non ti servono realmente. Poi entra nelle Proprietà di sistema di Windows, vai su “Protezione Sistema” e poi su “Configura“. Qui troverai tutti i Punti di Ripristino di Windows: se il tuo sistema operativo è stabile puoi cancellarli tutti liberando molto spazio. Infine, svuota il cestino per rimuovere anche i file che hai cancellato tu manualmente.

Deframmenta il disco rigido

Dopo aver cancellato tutti i file inutili il tuo disco rigido, sia esso un disco magnetico o un SSD, si troverà pieno di buchi lasciati dai dati che non ci sono più. Se sui moderni SSD questo non è un problema, sui vecchi dischi magnetomeccanici lo è e come: saltare da un record all’altro rallenta moltissimo le operazioni di scrittura e lettura. Per questo devi usare l’utilità Deframmentazione Dischi di Windows. Su Esplora risorse fai click destro sul disco che vuoi deframmentare, poi “Proprietà” e poi “Strumenti“. Qui troverai “Ottimizzazione e deframmentazione unità“, che lancerà l’utility in questione. Puoi anche schedulare l’ottimizzazione automatica del disco impostando data e ora di esecuzione dello strumento.

Attiva Storage Sense

Storage Sense, in italiano “Sensore di memoria“, è una sorta di “Clean up utility” integrata in Windows 10: cancella in automatico i file inutili quando la quota di spazio libero sul disco scende sotto una soglia che puoi impostare. Lo puoi attivare scrivendo “Archiviazione” nella casella di ricerca del menu Start e poi cliccando su “Cambia il modo in cui viene liberato spazio automaticamente“.

Blocca le app che ti rubano memoria RAM

Se fino ad ora hai ottimizzato la gestione del disco rigido, adesso viene il turno di processore e memoria RAM. Molto probabilmente almeno una delle applicazioni che si eseguono automaticamente all’avvio di Windows 10 consuma troppa RAM o tiene impegnata inutilmente la CPU. Puoi scoprire quale aprendo il Task Manager di Windows. Fai click destro su una zona libera della barra del menu Start e poi apri “Gestione attività“. Qui vedrai tutte le applicazioni in esecuzione, con indicata per ognuna di loro la percentuale di CPU, memoria, disco, rete e GPU che stanno usando. Cliccando su ogni colonna le app verranno ordinate in base al consumo di quel parametro, facendoti vedere in un baleno quali sono le applicazioni più pesanti. Per velocizzare Windows dovrai rimuoverle, se non sono strettamente necessarie.

Usa un buon antivirus

L’ultimo consiglio per ottimizzare Windows 10 è quello di usare una buona suite di sicurezza dotata di un antivirus efficace e sempre aggiornato. È vero che questi software rubano un po’ di risorse al tuo PC per monitorare costantemente le tue attività in cerca di possibili minacce, ma è anche vero che un eccessivo e improvviso rallentamento del computer è uno dei sintomi classici di una infezione da virus.

© Italiaonline S.p.A. 2019Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963