Libero
TECH NEWS

I robot si muoveranno usando la sola forza del pensiero

Una ricerca dell’Università del Minnesota ha messo a punto un sistema non invasivo che usa un casco EEG per fare muovere alle persone dei robot con il pensiero

Pubblicato:

I robot si muoveranno usando la sola forza del pensiero Fonte foto: Shutterstock

L’uomo da sempre ha sognato di spostare gli oggetti con il pensiero. Siano questi semplici bicchieri o dispositivi elettronici. Da X-Men a iBoy, non mancano le serie fantascientifiche a riguardo. Ora però non è più immaginazione. Ecco, infatti, i robot che possono essere spostati con la sola forza del pensiero.

I ricercatori dell’Università del Minnesota hanno creato un nuovo sistema che richiede solo un casco e un po’ di pensieri per azionare tutta una serie di bracci robotici. Si tratta di una scoperta incredibile, fin qui infatti le ricerche a riguardo avevano bisogno di un collegamento molto invasivo tra l’uomo e la macchina, per permettere al primo di comandare la seconda. A sottolineare i risultati della ricerca è stato Bin He, professore di ingegneria biomedica e responsabile dello studio: “è la prima volta al mondo che le persone possono utilizzare un braccio robotico per raggiungere e afferrare oggetti in un ambiente 3D complesso utilizzando solo i loro pensieri”.

Come funziona

Per funzionare il sistema richiede un casco EEG, ovvero quelli per elettroencefalogramma, e un po’ di allenamento. Quando si pensa a un movimento i neuroni nella corteccia motoria reagiscono con l’accensione di nuovi gruppi di neuroni. Con la lettura di questi neuroni l’interfaccia cervello-computer è in grado di simulare e tradurre il movimento del braccio vero in comandi per il braccio del robot. Lo sviluppo di questa ricerca offre un grande potenziale per aiutare le persone che sono paralizzate o hanno malattie neurodegenerative. Tutto ciò le renderebbe estremamente indipendenti, senza operazioni chirurgiche. In un esperimento effettuato un paziente, che ha perso entrambe le braccia a causa di un incidente elettrico, è stato in grado di controllare due bracci robotici contemporaneamente grazie al suo sistema nervoso.

TAG: