Come collegare il tablet alla tv Fonte foto: 123rf
HOW TO

Tutti i metodi per collegare il tablet al televisore

Per collegare il tablet alla tv ci sono diverse soluzioni: si possono usare i cavi HDMI o USB, la connessione WiFi con altri supporti come Chromecast.

Se hai un tablet o un iPad puoi vedere i contenuti video direttamente sulla TV, utilizzando un cavo HDMI, un adattatore USB/HDMI, oppure sfruttando la connessione Wi-Fi. In quest’ultimo caso devi usare un dispositivo da connettere al televisore, come Google Chromecast, Miracast o AirPlay, a seconda del sistema operativo. Vediamo come collegare il tablet alla TV, analizzando tutte le modalità disponibili senza perdere la qualità di risoluzione.

Come collegare il tablet alla TV con cavo HDMI

Il primo metodo per collegare alla TV il tablet prevede l’utilizzo di un cavo HDMI, una soluzione semplice, veloce ed efficiente per risolvere rapidamente il problema. In questo caso bisogna prima di tutto controllare la compatibilità dei due dispositivi, per verificare se sono presenti in entrambi delle porte HDMI. In alcuni device potrebbe esserci invece la micro HMDI, perciò è necessario comprare un cavo adatto, altrimenti basta un filo con attacchi HDMI tradizionali.

Altri tablet, invece, possiedono una porta USB, quindi bisogna acquistare un cavo con adattatore USB/HDMI. Quest’ultimi sono leggermente più costosi, tuttavia possono essere comprati su Amazon senza spendere troppo, trovando prodotti di buona qualità ad un prezzo contenuto. Allo stesso tempo è necessario fare attenzione, poiché non tutte le piattaforme sono compatibili con il collegamento via cavo, tra cui ad esempio NOW TV, mentre con Netflix la riproduzione funziona senza disturbi.

Come collegare il tablet alla TV con cavo USB

La seconda possibilità consiste nel collegare il tablet alla TV con un cavo USB, optando possibilmente per un filo di ultima generazione, dotato di un terminale USB Type-C. Ciò garantisce una velocità di riproduzione ottimale, per non diminuire la qualità di risoluzione durante la riproduzione nel televisore. Ad esempio l’iPad della Apple richiede l’acquisto di un adattatore, per trasformare l’uscita Lightning in HDMI, mentre per i tablet Samsung serve un adattatore HDTV, che assicura una risoluzione Full HD.

Come collegare il tablet alla TV senza cavi

La terza opzione consiste nel collegare il tablet alla TV in modalità wireless, utilizzando la connessione Wi-Fi per mettere in comunicazione i due apparecchi. In questo caso è necessario comprare un dispositivo di trasmissione dati, tra cui quelli più utilizzati sono Google Chromecast e Miracast per device Android, iOS e Windows, oppure AirPlay per iPad Apple. Anche qui è fondamentale la presenza della porta HDMI nella TV, altrimenti non è possibile attivare il collegamento, perciò è importante verificare la compatibilità del televisore.

Google Chromecast

Chromecast di Google è il dispositivo più utilizzato al momento, infatti funziona bene con qualsiasi tablet Android, ma anche con quelli dotati del sistema operativo iOS e con Windows. L’apparecchio può essere alimentato con una normale presa di corrente domestica, oppure tramite l’attacco USB è possibile usare una porta presente nella TV, per evitare di lasciare il filo appeso e nascondere il cavo dietro la struttura, ottenendo un risultato più efficiente e gradevole.

Google propone due tipi di device, quello classico con un prezzo di 39 euro circa e risoluzione massima in Full HD, oppure Chromecast Ultra, venduto con un costo di 79 euro circa e in grado di supportare una qualità dell’immagine in 4K, anche con tecnologia dinamica HDR. L’installazione è veramente semplice, infatti basta collegare il dispositivo alla TV, dopodiché bisogna usare il proprio smartphone o il tablet per effettuare la configurazione.

A questo proposito si può usare l’app Google Home, che consente di integrare l’apparecchio con i comandi vocali di Google Assistant. La procedura prevede il collegamento con la rete Wi-Fi di casa, poi è possibile scegliere il nome da visualizzare sulla TV, usando un riferimento diverso per ogni stanza. Chromecast è compatibile con tantissime app di streaming video e audio, tra cui Netflix, YouTube, Infinity, Spotify e Vevo. Una volta configurato basta avviare la riproduzione sul tablet, selezionando l’icona dello schermo in alto a destra per trasferire il video sul televisore.

Miracast

In alternativa a Chromecast di Google, si può collegare il tablet alla TV senza cavi con Miracast, un dispositivo simile che utilizza anch’esso la connessione wireless. In realtà tramite la tecnologia Wi-Fi Direct i due apparecchi possono comunicare direttamente, quindi l’utilizzo del traffico dati non è eccessivo come avviene per altri sistemi. Questa chiavetta funziona però soltanto con tablet Android e alcune tavolette Windows, mentre non è compatibile con gli iPad della Apple.

Il funzionamento è del tutto simile a quello di Google Chromecast, quindi basta avviare la riproduzione video e attivare il collegamento con la TV, selezionando l’opzione Trasmetti schermo. Dall’interfaccia è possibile visualizzare anche i dispositivi connessi, oppure limitare il consumo del traffico dati. Anche in questo caso sono supportate tantissime applicazioni, da Netflix a YouTube, inoltre viene mantenuta una buona qualità anche con i giochi multimediali.

Apple AirPlay

Se hai una Apple TV puoi collegare l’iPad usando AirPlay, un dispositivo compatibile con tutti i device Apple, quindi anche con iPhone. Si tratta di un TV Box, con il quale connettere in modalità wireless l’iPad al televisore, utilizzando un cavo HDMI per collegare l’apparecchio alla Apple TV, configurando la rete Wi-Fi per accedere tramite tutte le app integrate con questa tecnologia. Dopodiché basta avviare la riproduzione di contenuti video sull’iPad, selezionando la funzione Duplica schermo per vedere le immagini direttamente sulla TV, con una qualità Full HD.

© Italiaonline S.p.A. 2020Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963